Athuruga 2003  http://www.rizzetto.com  Collegamento al sito di Sandro&Silvia

 
Gennaio 2003 by Sandro&Silvia

Isole Maldive Athuruga resort isola di Athurugaa atollo di Ari sud by Sandro&SilviaGennaio 2003: la nostra prima volta alle Maldive...

La scelta cade sull'isola di Athuruga, situata nella parte sud dell'Atollo di Ari.

Abbinato ad un tour in Sri Lanka di 7 giorni, siamo rimasti ad Athuruga per altri "soli" 7 giorni: a chi dice che una settimana alle Maldive basta perché dopo ci si stufa NON CREDETECI! Se amate il mare, la pace, la tranquillità, il relax e volete dimenticarvi lo stress, il lavoro, ecc. questo è il posto per voi...io ci sarei rimasto anche un mese !!!

L'isola è raggiungibile con uno stupendo volo di trasferimento di 25 minuti in idrovolante dall'aeroporto di Male, durante il quale si assiste ad un panorama mozzafiato...

All'arrivo ci accoglie Lorenzo, il responsabile di Hotelplan, nonché il biologo dell'isola, con il quale ho frequentato un corso di biologia marina tropicale composto da interessantissime lezioni teoriche (accompagnate da diapositive) e da uscite in snorkeling dove finalmente impari a riconoscere pesci e coralli.

Tolte da subito le scarpe che rimetteremo (purtroppo) esattamente 7 giorni dopo, mi faccio il "tour" dell'isola che dura circa 8 minuti!! Athuruga infatti è abbastanza piccola se paragonata ad altri resort; dispone di 46 bungalow tutti situati sul perimetro, alcuni singoli ed altri doppi. Le camere sono arredate con gusto, dispongono di tutti i confort tranne (cosa apprezzabilissima) la TV... proprio il fatto che non arrivino giornali, fax, tv, radio rende ancora più bello lo staccare dalla vita quotidiana (per i masochisti comunque segnalo che funzionano i nostri GSM e che c'è un internet point, ma se siete furbi dimenticateveli!!)

Isole Maldive Athuruga resort isola di Athurugaa atollo di Ari sud by Sandro&SilviaIl bagno, come spesso accade alle Maldive, è "aperto", (sanitari e lavandini sono coperti da una tettoia, mentre la doccia è proprio a cielo aperto)...se all'inizio sarete scettici su questa cosa, vedrete che cambierete subito idea.

La cosa più bella è ovviamente l'avere la spiaggia e il mare esattamente davanti alla camera (il nostro bungalow, il 42, è quello segnato dal cerchietto rosso); ciò significa godersi la vista del mare (albe o tramonti a seconda della posizione) dall'ombra della vostra veranda, oppure di approfittare del frigobar della camera ogni volta che il sole e il caldo della spiaggia vi asseta...

Il trattamento offerto da Planhotel (piccola catena svizzera che alle Maldive offre anche Thudufushi) è di tipo All Inclusive ed oltre ai consueti 3 pasti con bevande (anche alcoliche escluso lo champagne) comprende gli snack bar, le consumazioni del frigobar personale (che vengono subito rifocillati dagli efficienti e discretissimi room-boys), tutti gli sport d'acqua escluso le immersioni (catamarano, snorkeling con attrezzatura, canoe, windsurf, laser boat) e tre escursioni in dhoni (isola deserta, isola dei pescatori e pesca al tramonto al bolentino), nonché addirittura la lavanderia e le sigarette sfuse!

Isole Maldive Athuruga resort isola di Athurugaa atollo di Ari sud by Sandro&SilviaL'isola come si vede dalla foto dispone di un proprio "house-reef", ovvero di una barriera corallina propria dove si può fare snorkeling godendo della vista di numerosi pesci tropicali (pappagallo, balestra, lion-fish, butterfly, ecc) ma anche di incontri più emozionanti: tartarughe, razze, trigoni, pastinacche e le favolose mante che ogni mattina si spingono con la loro nuotata elegante fino ai limiti del reef. In laguna poi scorazzano allegramente una quindicina di piccoli squali pinna nera (assolutamente innocui) che vivono lì i loro primi sei mesi.

Lo snorkeling comunque ovviamente è nulla se paragonato a ciò che ho visto nelle 7 immersioni fatte nelle tille (secche) circostanti...
Il diving (The Crab) è gestito da 4 simpaticissimi ragazzi italiani (Toni, Sabina, Patrick e Marlise) dei quali due addirittura conterranei (altoatesini della zona di Merano). Il corallo dopo la "cotta" subita pochi anni fa a causa dell'innalzamento della temperatura dell'acqua (causa Niño), comincia a ricrescere e ciò si nota soprattutto nei posti lontani dai resort e ad una certa profondità. L'immersione più spettacolare è stata sicuramente quella di Atabu Tilla, dove ci siamo adagiati sul fondo di un corner e ci siamo goduti per 40 minuti buoni una decina di squali pinna grigia che ci giravano attorno (senza contare il pinna bianca che dormiva in tana, i 2 pesci pietra "invisibili" e i pesci chirurgo che giocavano con le tue bolle durante la tappa di rispetto). Oltre ai 4 istruttori, efficientissimi anche i maldiviani che guidavano i dhoni, ti assistevano nella vestizione e si occupavano di sciacquarti tutta l'attrezzatura e di fartela trovare sempre pronta all'immersione successiva.

Anche sulla cucina nulla da eccepire: pesce e carne cucinate al volo alla griglia, una varietà incredibile di dolci e, per i nostalgici, piatti della cucina italiana.

Insomma fino a questo momento la nostra più bella vacanza mai fatta ed uno dei pochi posti (anzi fino ad ora l'unico) dove desideriamo tornare... A presto Athuruga !

 

By Sandro&Silvia