Alimathà giugno 2006  
giugno 2006 by Miriam&Graziano
Alimathà Giugno 2006

Il 5 giugno 2006 siamo partiti da Milano Malpensa, facendo scalo a Roma, alla volta delle Maldive. 
Il volo della Neos è stato abbastanza confortevole isole maldive fotografie informazioni consigli utili alimatha resort isola di alimatha atollo di felidhoo by Miriam e Franco giugno 2006 anche se tutti i nostri compagni di viaggio, come del resto noi, ne abbiamo risentito un po’ della scomodità dei sedili ( c’era veramente molto poco spazio tra una fila e l’altra ed inoltre i sedili si potevano reclinare davvero molto poco). Comunque la compagnia aerea non è male, sono tutti molto gentili e cortesi e ci hanno servito pasti caldi e buoni. Il viaggio è stato lungo, ma all’arrivo ti rendi veramente conto che ne valeva la pena! Dopo 11 ore e trenta siamo giunti all’aeroporto di Malè dove dopo le varie formalità doganali e il recupero del bagaglio (molto più veloce della sofisticata Malpensa che ci aveva costretto alla nostra partenza a tre ore di fila per l’imbarco dei bagagli in quanto i nastri trasportatori non funzionavano!) ci siamo diretti verso quelle che i maldiviani chiamano barche veloci. Caricati i bagagli e saliti sulla barca siamo partiti alla volta della nostra, tanto sospirata, destinazione. 

Circa un’ora e mezza dopo abbiamo visto in lontananza l’isola da noi scelta ovvero Alimathà! Giunti al pontile, recuperato il bagaglio….e le forze….abbiamo percorso i 100 mt. dallo stesso e (la sensazione è isole maldive fotografie informazioni consigli utili alimatha resort isola di alimatha atollo di felidhoo by Miriam e Franco giugno 2006 veramente indescrivibile) ci siamo accorti di essere arrivati in un altro mondo. La prima considerazione fatta è stata quella di essere arrivati in un paradiso dove tutto è perfetto e per quanto ti sembri irreale ti rendi conto che esiste perché ci sei e perché in quel momento ne fai parte del contesto! L’isola di Alimathà è abbastanza piccola in quanto passeggiando la giri tutta in otto/dieci minuti (fermandoti anche di tanto in tanto perché più di qualcosa richiama la tua attenzione). 
La sabbia è incredibilmente bianca e non scotta mai in quanto è formata da corallo e questo quindi permette di camminarci tranquillamente a piedi nudi. Il mare, che dire? E’ veramente meraviglioso sia per i colori che passano dall’azzurro/bianco al blu scuro sia per la temperatura dell’acqua che costantemente rimane sui 28°. La fauna e la flora dell’isola sono molto rigogliose. Abbiamo visto dalle volpi volanti ai vari camaleonti, dai tantissimi gechi (che accompagnavano i nostri sonni in camera) agli aironi che passeggiavano sulla spiaggia. La flora sull’isola è splendida! Predominano le palme da cocco e tantissime altre specie di piante di cui non vi so’ dare il nome, ma sono tutte enormi e piene di fiori coloratissimi. 
La fauna marina è spettacolare, forse un po’ meno colorata del Mar Rosso, ma tanto ricca di pesci. Abbiamo visto di tutto, dalle Murene ai pesci Napoleone, dai tantissimi Squali (per altro innocui) alle molteplici Mante. Tantissimi pesci Picasso Balestra nel reef accompagnavano le nostre nuotate. Moltissime sono le conchiglie che si possono trovare, di tutte le dimensioni e di tutti i formati (purtroppo non è possibile portarle a casa…..ma del resto è giusto così….devono stare nel loro ambiente anche perché qui da noi finirebbero su qualche mensola o in qualche mobile!). Abbiamo inoltre visto i tantissimi granchi che abitano isole maldive fotografie informazioni consigli utili alimatha resort isola di alimatha atollo di felidhoo by Miriam e Franco giugno 2006 l’isola! Se ne stanno perennemente sui muretti e sono veramente enormi. Comunque torniamo al nostro arrivo sull’isola dove, dopo aver recuperato il bagaglio ci hanno accompagnato nei vari bungalow. 
Le camere sono tutte molto confortevoli, dotate di aria condizionata e di ventilatore a pale. Vengono pulite tre/quattro volte al giorno e inoltre hanno un bagno molto grande con una enorme doccia. Sono tutte dotate di due ingressi (con relativa veranda), uno sulla parte interna dell’isola mentre l’altro sulla spiaggia (qui la veranda è molto più grande e ci sono due sdraio in legno, un piccolo stendino a parete e due poltroncine in vimini con tavolino). Dopo aver preso confidenza con la camera ci hanno comunicato di recarci presso il ristorante per pranzare. Abbandonato le scarpe ed i vestiti con i quali eravamo giunti, abbiamo infilato pantaloncini, maglietta e infradito, ci siamo recati al ristorante e abbiamo quindi constatato che tutte le strutture esistenti avevano una copertura fatta di foglie di palma. E’ stato bellissimo. L’enorme ristorante è formato da un corpo centrale dove vengono disposti “a ferro di cavallo” tutti i vassoi (servizio a buffet) e da svariati tavoli di tutte le dimensioni che danno sul mare. Una vista veramente super mentre mangi! C’è molta varietà di cibo e il pesce non manca mai (io personalmente ho mangiato pesce a tutti i pasti…..e devo dire che era molto buono!). isole maldive fotografie informazioni consigli utili alimatha resort isola di alimatha atollo di felidhoo by Miriam e Franco giugno 2006 Fanno anche la pasta e, a giudizio di tutti, molto buona e saporita. Miriade di contorni, di frutta e (nota dolente per chi ci tiene alla linea) i mitici dolci, dalle torte ai budini, ai biscotti alle crepes! Inutile ora raccontarvi delle nostre giornate che penso siano state più o meno intense di quelle degli altri. Noi, personalmente abbiamo fatto molto snorkeling perché ne valeva molto la pena ma nella struttura Bravo Club sono comprese molte attività sportive e vari tornei. L’animazione è molto efficiente, carina e non invadente. Organizzate ci sono diverse escursioni a cui poter aderire; dall’isola dei pescatori alle varie uscite in barca per le immersioni o per lo snorkeling nei vari tratti di fondale. Molto carina è stata la serata maldiviana dove tutti, rigorosamente in pareo, abbiamo mangiato piatti tipici della loro cucina ed abbiamo assistito, dopo cena, allo spettacolo folcloristico locale con danze e musiche tipiche del luogo. Durante i nostri otto giorni il tempo è stato fantastico, sempre sole e tanto caldo. Considerando quindi che si tratta di un periodo abbastanza precario possiamo dire che siamo stati assai fortunati di non aver trovato giorni di pioggia. Il nostro rientro in Italia è stato buono anche se la tristezza di abbandonare il paradiso regnava in noi e ci accompagna tutt’ora dopo essere tornati alla quotidianità. Sicuramente suggeriamo a chiunque sia indeciso sul posto e sul periodo di andarci alle Maldive perché è un mondo meraviglioso e, almeno una volta nella vita, è da visitare….poi, certamente, una volta visto, ci ritornerete come di sicuro faremo noi. Un bacione a tutti e a presto (speriamo) con un nuovo racconta da un’altra isola.

giugno 2006 by Miriam&Graziano


www.tuttomaldive.it