Bathala gennaio 2005  
gennaio 2005 by Laura&Sara&Enzo

8 Gennaio 2005
Finalmente si parte direzione Bathala ; dopo un lungo e martoriato periodo d’indecisione (dal 26 dicembre 2004 in poi) visto l’accaduto nei paesi colpiti dallo tzunami abbiamo trovato la forza di partire per la vacanza attesa da una vita e visto col senno di poi ABBIAMO FATTO BENISSIMO.
L’arrivo alla malpensa in una giornata autunnale (15 gradi ) inusuale visto la data del lunario e’ stato di buon auspicio, abbiamo incontrato gli amici conosciuti in rete sul forum di www.tuttomaldive.it  e con essi abbiamo eseguito le “solite “ code per il ritiro biglietti, gadget, chek-in ed imbarco ;l’attesa per il primo volo si faceva sempre più intensa. Finalmente alle 20.00 hanno aperto le porte per l’imbarco, tempo 30 minuti ed eravamo staccati dal suolo verso l’oceano indiano.
L’aereo della compagnia eurofly ci ha fatto trascorrere circa 9 ore e mezza con la trasmissione di 5 film in italiano un canale di sport ed un canale di cartoni animati per bambini, alle nove e mezza circa hanno servito la cena e la mattina seguente 7 e mezza ora Male la colazione ; essendo la prima volta in aereo non ho paragoni con altre compagnie ,noi ci siamo trovati bene ;unica pecca sono i sedili poco inclinabili per dormire e lo spazio per le gambe e’ abbastanza ridotto.Il prossimo viaggio lo faremo sicuramente nella classe superiore.

AEREOPORTO DI MALE:
non sapevamo cosa effettivamente avremmo trovato visto il bombardamento psicologico dato dai media e da internet , direi che la prima impressione e’ stata ottima , tutto estremamente in ordine pulito ,solo qualche detrito di laterizi all’estremità della pista non so se portato dalla violenza del mare o dall’uomo ,i signori della sicurezza per il controllo passaporti e documenti di sbarco gentilissimi ed altrettanto il personale del tour operator Azemar all’uscita della sala arrivi dell’aeroporto. Fatto tesoro dei consigli rimediati sul forum ci siamo attrezzati dall’Italia con uno zainetto di merendine dolci e salate e dei succhi d’arancia in confezioni con cannuccia visto che i 30 gradi si facevano sentire ed il bar dell’aeroporto e’ rinomato per i prezzi allucinanti. 
Tempo 30 minuti e ci ritroviamo in gruppo (15 persone) sulla barca veloce in mare aperto.
Il primo incontro ittico se così si può dire e’ con un pesce “volante” che si mostra con i suoi voli di fianco al motoscafo , lo stesso pesce si ripresenterà poi al nostro ritorno probabilmente vuole essere il primo a salutare i turisti che transitano per quel tratto d’oceano.

BATHALA:
e’ stato detto molto di questa isola , grazie a tutto quello che e’ stato pubblicato si e’ basata la nostra scelta ed a nostra volta cerchiamo di aggiungere materiale spero interessante per chi sta decidendo la meta alle Maldive. L’arrivo al piccolo pontile sud e’ preceduto dal giro per tre quarti dell’’isola da parte della barca veloce arrivando da nord est , questo ci ha permesso di pregustarci il paradiso da un centinaio di metri , lo sbarco ed il successivo approccio alla sabbia e’ fantastico ,la prima cosa che si fa e’ togliersi le scarpe (si abbandonano in un’angolino della stanza per poi rimetterle a malincuore il giorno della partenza), successivamente ci siamo riuniti al bar per l’assegnazione delle camere e la presentazione del personale dell’Azemar presente sull’isola . Bathala e’ un paradiso la pace regna tra la vegetazione i vialetti di sabbia le mangrovie sulla spiaggia il sottofondo delle piccole onde, il verso particolare che fanno i geki ed il canto dei merli indiani ci coccola.

CAMERA:
La stanza che ci viene assegnata e’ la 103 lato sud dell’isola ,visto il vento che spira in questo periodo da nord est ci va benissimo ,sulla spiaggia antistante ci sono posizionati 2 sdraio di legno con relativi materassini e teli mare , nella stanza e’ stato portato il terzo letto per Sara nostra figlia di 6 anni e prontamente hanno portato un telo mare in più con relativi asciugamani nel bagno.
Il bagno stile maldiviano con la doccia all’aperto contornata dalla stupenda sabbia bianca pulitissimo veniva pulito tre volte al giorno , lo stesso vale per la camera .
Nella camera e’ presente una pala a soffitto , un climatizzatore , un frigobar vuoto dove abbiamo riposto i nostri succhi di frutta e le bibite che si ritirano al bar , un armadio a parete , due scrivanie e per un quarto della circonferenza una panca in muratura, tre o quattro geki qualche formica gigante e due o tre panaroni colorati .Noi non ci siamo stupiti ,e’ inevitabile avere la natura in camera essendo la camera stessa immersa nella natura ;chi va a Bathala deve mettere in conto anche questo se cerca le camere super lussuose senza sorta di insetti Bathala non e’ il posto giusto (NOI SPERIAMO TANTO CHE RIMANGA COSI’).La porta d’ingresso noi l’abbiamo lasciata aperta (serratura) per tutta la vacanza ,consiglio però di mettere la chiave all’esterno perchè e’ capitato che il romboy sbadatamente nel chiudere la porta fa scattare la serratura e si rimane chiusi fuori. Nella piccola veranda ci sono due confortevoli poltrone in vimini ed un tavolino che veniva utilizzato da Sara per i compiti dopo pranzo.

IL RISTORANTE:
a buffet come sapete tutti , dalla colazione alla cena era presente ogni ben di dio dal dolce al salato carne pesce pasta e riso ,piccante e non ,salse di tutti i tipi ed al mattino una fila di marmellate dai gusti eccezionali. Per non parlare della frutta ,papaia ananas banane maldiviane ,mango passion fruits anguria rossa e bianca melone .Una menzione speciale va data al cuoco per la preparazione della pasta: devo dire che nel mio lavoro pranzo spesso fuori e la pasta preparata nel ristorante di Bathala bagna il naso al 90% delle trattorie/ristoranti italiani . Ciliegina sulla torta il pavimento di sabbia , i piedi nudi , l’abbigliamento (calzoncini o pareo e maglietta)

ANIMAZIONE:
durante il giorno inesistente (pezzo forte di Bathala) mentre alla sera organizzano spettacoli di cabaret proiezione cinema , serata maldiviana per non contare il solo parlare di gruppo al bar .
Colgo l’occasione per ringraziare lo Staff composto da CRISTIANO (il capo villaggio) GIORDANO (naufrago acquisito da Olhuveli) FRANCESCA e ILENIA accompagnatrici nello snorkeling mattutino e pomeridiano.

DIVING:
non può mancare un grossissimo saluto a CHIARA, la sirenetta di Bathala che mi ha accompagnato sui fondali del reef facendomi accarezzare la pinna dello squalo nutrice e scoprendo quel mondo meraviglioso che si nasconde nelle profondità dell’oceano indiano. Eccellente e’ stato il battesimo del mare sia per me che per Laura, Marco e Barbara cosa che raccomandiamo a tutti coloro che non hanno ancora provato (io ne ho fatti 3) .

SNORKELING:
l’attività principale dopo il famoso pucio pucio in riva al mare , durante il giro dell’isola si possono vedere un’infinita’ di specie marine praticamente tutto ciò che e’ disegnato sul tabellone dei pesci presenti nelle barriere coralline tranne naturalmente (per fortuna) gli squali pericolosi , anche se io e Laura un pomeriggio abbiamo avuto un’incontro ravvicinato con un pinna bianca che ci ha girato intorno per tre volte distante circa un metro e mezzo (mi viene la pelle d’oca ancora adesso).

ESCURSIONI:
noi abbiamo fatto praticamente tutte le escursioni tranne la lingua di sabbia e ci siamo divertiti un sacco, nella pesca al tramonto (poca pesca e molto tramonto) il bello e’ la cena tutti in compagnia all’aperto nel campetto di calcetto con pesce alla griglia guardando le stelle; snorkeling safari bellissimo nella prima isola branchi di pesci bandiera e pesci farfalla anemoni giganti con pesci pagliaccio , mentre nella seconda isola coralli giganteschi a ombrello veramente indescrivibile; nell’uscita all’isola deserta non credevamo ai nostri occhi una cartolina ,uno screensaver per computer, posti che si vedono solo sulle riviste le foto non rendono lo spettacolo che si e’ presentato ai nostri occhi VEDERE PER CREDERE , mentre nell’isola dei pescatori ci siamo sincerati che non fosse successo nulla riguardo allo tsunami, anche se sapevamo già dai ragazzi maldiviani che lavorano a Bathala ed hanno famiglia proprio in questa isola, qui si fanno le spese di souvenir dando una mano alla popolazione locale .Per ultima in termini di data viene la cena a base di aragosta sulla spiaggia organizzata con eccellenza dallo staff maldiviano. CONSIGLIAMO VIVAMENTE TUTTE LE ESCURSIONI .

CONCLUSIONE:
non resta che aspettare un po’ di tempo per rimpinguare la cassa e poter tornare in quel paradiso che sono le Maldive, Voi che siete incerti partite in piena tranquillità date sicuramente una mano a un popolo che vive di turismo (il nostro cameriere e’ stato messo in “ferie” forzate per due settimane e come lui chissà quanti faranno la stessa fine in attesa di tempi migliori), non abbandonate le MALDIVE proprio nel momento del bisogno, noi ci siamo trovati benissimo e spero con tutto il cuore di tornarci al piu’ presto.

Un saluto particolare a LIDIA GIANNI (che ha scattato parte delle foto sub) e SOFIA
Alla famiglia FIORENTINO e alla famiglia SPESSOTTO che ci hanno resi partecipi di indimenticabili vacanze insieme allo staff di AZEMAR 

Con affetto ai lettori di tuttomaldive:
Enzo Laura Sara 8/17 gennaio 2005

gennaio 2005 by Laura&Sara&Enzo

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive isole maldive viste da vicino : racconti, informazioni e consigli utili e foto dei viaggi o delle crociere degli amici di www.tuttomaldive.it
www.tuttomaldive.it