Ellaidhoo gennaio 2006

gennaio 2006 By Marilena&Mauro

Racconto di viaggio di Mauro e Marilena

Avevo letto del mal di Maldive ma non pensavo fosse cosi intenso!
Il nostro sogno incomincia a novembre 2005 quando prenotiamo con difficoltà a Ellaidhoo atollo di Ari nord. Dopo un’estenuante attesa finalmente venerdì 13-01-06 alle 22 partiamo dalla Malpensa con volo Eurofly, devo dire abbastanza comodo anche se io non ho chiuso occhio.
 Alle 9.30 atterriamo a Male, PIOVE!!! Ad accoglierci c’è Ernesto responsabile Kuoni, molto distaccato e professionale, forse troppo! 
La nota dolente di tutta la vacanza è stato il trasferimento da Male a Ellaidhoo, per imprecisato motivo la barca veloce non c’era ed era stata sostituita da 3 barche più piccole che fra le onde di un oceano molto agitato e scene di isterismo ci hanno portato sull’isola in circa 3 ore invece di 1,30 come avrebbe dovuto essere. 
Esperienza che ci ha indotto a prenotare l’idrovolante per il ritorno, cosa che consigliamo a tutti, volo in 20 min. e splendida veduta delle isole. Sull’isola ci attende il sole che sbuca fra le nuvole e la vista del paradiso dove avremmo trascorso la vacanza ci fa dimenticare il disagio. 
Dopo circa mezz’ora prendiamo possesso del bungalow 132, fantastico è proprio ciò che volevamo la veranda si affaccia sul mare UN PARADISO! Facciamo subito conoscenza con il nostro room boy Terry che si occuperà della camera due volte al giorno. Confortevole e spaziosa la camera, ci colpisce il bagno maldiviano per metà a cielo aperto ma funzionale. Sull’isola si dimentica l’uso delle scarpe ovunque c’è sabbia corallina anche al ristorante e la sensazione di camminarci sopra è davvero unica. 
Intorno all’isola sulla barriera corallina sono stati costruiti dei muretti per salvare la già poca spiaggia. Il mare è uno spettacolo sia sopra che sotto, i pesci tropicali si vedono già vicino alla riva, dietro ai muretti c’è il paradiso sommerso sembra veramente di nuotare in un acquario. La varietà di pesci è notevole e non è difficile imbattersi in squaletti, murene, mante e tartarughe. 
Sulla terra ferma si incontrano spesso delle simpatiche lucertole simili all’iguana, gechi, volpi volanti, corvi, aironi, ed altri volatili. Il cibo servito a buffet è buono soprattutto i dolci. È nostra abitudine assaggiare un po’ di tutto notiamo un largo uso di spezie e aglio. Simpatici e sempre sorridenti i camerieri, il nostro dice di chiamarsi Abramo! 
Dopo due giorni sembra di essere via di casa da molto tempo, l’atmosfera di amicizia e rilassamento che si vive sull’isola fa dimenticare lo stress della vita quotidiana. In 5 min. di Dhoni (la barca locale) è possibile raggiungere l’isola Maga un piccolo gioiellino disabitato. Qui la spiaggia bianchissima è più grande e non ci sono barriere nel mare. Il Doni è gratuito per i clienti Kuoni, a Maga abbiamo fatto le foto più belle. 
Martedì prendiamo parte all’escursione sull’isola dei Pescatori dove lo shopping è un po’ più conveniente di Ellaidhoo ma ci sono gli stessi oggetti. Per le strade incontriamo i bambini molto carini e sorridenti. 
La gita ci sembra più che altro un business e ci ha deluso il modo di proporla del responsabile Kuoni 30 dollari a persona non giustificano 3 h di barca and/rit. 1 h sull’isola per vedere negozi che vendono tutti le stesse cose che si trovano al duty free. 
Mercoledì sera già super abbronzati ceniamo sulla spiaggia di Maga in un’atmosfera magica! Ci accolgono i camerieri con una grigliata mista e aragosta, i tavoli al lume di candela sono apparecchiati sulla spiaggia a pochi metri dal mare, un’infinità di stelle fa da soffitto a questa serata romantica ed a un certo punto spunta all’orizzonte dal mare una splendida luna piena che rende indimenticabile questa serata. Quattro musicisti locali che soprannomineremo Gipsi King allietano la cena. Nelle serate presso il bar di Ellaidhoo viene eseguita musica dal vivo ed è durante una di queste che facciamo amicizia con Bala un’artista malese dalla calda e fantastica voce, veramente bravo, non è possibile non ballare sulle note della sua chitarra. 
Giovedì mentre faccio snorkeling ho il mio primo incontro con uno squalo di media dimensione, la adrenalina anche se lui mi ignora va alle stelle! I giorni trascorrono inesorabili e giunge il momento del rientro. Sveglia alle 8, ultima colazione e tristi ci avviamo verso il molo, ma ci aspettano Bala con sua moglie, lei si avvicina e ci regala due conchiglie in elegante sacchettino a questo punto le lacrime non si trattengono… Saliamo sull’idrovolante consci del fatto che non scorderemo mai questi luoghi, questo mare, i tramonti e il sorriso di questi giorni. Maldive questo non è un addio ma un arrivederci.

Ciao Mauro e Mary

gennaio 2006 By Marilena&Mauro

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive isole maldive viste da vicino : racconti, informazioni e consigli utili e foto dei viaggi o delle crociere degli amici di www.tuttomaldive.it