FOTOGRAFIA ALLE MALDIVE

Corso di fotografia di www.tuttomaldive.it
© Copyright Bruno de Giusti - Utente Ghevèn - Tutti i diritti riservati -

L'USO DEL POLARIZZATORE
Terminiamo con la “ciliegina sulla torta”: si tratta di un capitolo leggero, dopo la “mazzata” da profondità di campo, ma che ci può suggerire come conferire alle nostre foto quel tocco di magia cui solo i piú smaliziati, o piú probabilmente i professionisti, possono accedere. Vi saranno certamente frequentatori di TuttoMaldive consci di annoiare terribilmente amici e parenti con le proprie foto assolutamente standard: la poca soddisfazione di ricevere commenti come “Sí, carina... ma quella là in fondo è la tua Geltrude?” svanirà quando, applicando i pochi accorgimenti qui elencati, le opinioni si tradurranno in entusiastici “Basta raccontar storie! Le hai scaricate dal sito di National Geographic, no?”

Il polarizzatore è un filtro che, come suggerisce il nome, polarizza la luce. Cosa significa? Chi non si occupa di fisica può incontrare difficoltà ad immaginarsene il funzionamento. Come tutti sappiamo, la luce è un'onda elettromagnetica. Semplificando un po', aggiungiamo che l'onda procede dalla sorgente (nel nostro caso il sole) alla destinazione (per esempio i nostri occhi) oscillando in direzioni casuali: si dice cosí che la luce, in genere, non è polarizzata. Insomma, la luce diretta del sole, le luci al neon, le lampadine non emettono luce polarizzata. Diverso è il caso del laser, che produce luce polarizzata longitudinalmente perché l'onda che parte da esso "oscilla in avanti e indietro nella stessa direzione in cui si propaga"; le virgolette sono d'obbligo perché la spiegazione è molto “ruspante”.

Ora, quando la luce del sole viene riflessa da un oggetto o dall'atmosfera secondo una certa inclinazione, essa si polarizza; si selezionano cioè le onde che oscillano su un certo asse. Cosí, quindi, la luce riflessa dal mare è polarizzata; la luce del cielo che proviene da 90 gradi rispetto al sole è altrettanto polarizzata (quella che proviene dalla stessa direzione o da quella opposta no); la luce riflessa da un vetro secondo certi angoli è anch’essa polarizzata.

Il filtro polarizzatore, che si applica sull’obiettivo ed è dotato di una ghiera che gli permette di ruotare liberamente, seleziona le onde che oscillano in una certa direzione. Facile a questo punto intuire che, se si ruota il polarizzatore in posizione equivalente (parallela) rispetto all'onda polarizzata, questa passerà e quindi vedremo luce; se si ruota a 90 gradi, la luce scomparirà completamente perché non può passare. Altrettanto agevole quindi comprendere che se si prendono due polarizzatori e si ruotano di 90 gradi l'uno rispetto all'altro, non passerà proprio nulla: si vedrà nero.

Il risultato dell'uso del polarizzatore qual è? Che la luce polarizzata, quindi quella riflessa può essere eliminata completamente. Osservare il tetto della locomotiva in questo parco giochi; sopra: come appare senza polarizzatore; sotto: col filtro regolato alla posizione di massima soppressione dei riflessi.





Trattiamo il caso che piú da vicino ci riguarda: il mare delle Maldive; ruotando in maniera opportuna il polarizzatore, l’acqua ci apparirà di un turchese molto piú “carico”, perché la parte di luce riflessa dal mare (biancastra perché proviene dal cielo) viene completamente eliminata. Sopra: senza polarizzatore; sotto: con.





Anche il cielo, in molti casi, apparirà piú blu e piú scuro, e il contrasto con le nuvole aumenterà.





Altro esempio. Sopra: senza; sotto: con.





In questi casi, la foto a sinistra è stata scattata senza polarizzatore, quella a destra col filtro regolato alla massima capacità.

   

   

Ecco quindi i motivi teorici e pratici per cui il mare e il cielo delle foto professionali (si pensi al caso esemplare di National Geographic) appaiono molto piú saturi di colori e contrasti rispetto a quelli che “turista fotografo comune” riesce a ottenere. L’esempio del tetto della locomotiva ci suggerisce un altro uso del polarizzatore: potremo fotografare un oggetto, per esempio, attraverso una vetrina, eliminando completamente il riflesso del vetro: ecco risolto il problema tipico delle teche nei musei!

Queste considerazioni dovrebbero fra l’altro convincere il buon fotografo a comprarsi un paio d’occhiali da sole polarizzati: eliminano i riflessi della strada, facilitando la guida, e permettono di godere appieno dei colori delle Maldive; ancor meglio, poi, se le lenti degli occhiali sono di color bruno-rossastro perché aiutano il nostro cervello a percepire i colori in modo ancor piú piacevole e intenso... Da notare inoltre che, se abbiamo una macchina fotografica automatica normale, difficilmente sull’obiettivo si potrà applicare un filtro: perché però non acquistarne uno abbastanza grande e tenerlo semplicemente in mano davanti all’obiettivo quando si scatta? Il risultato è esattamente lo stesso!

Vi sono due tipi di polarizzatori: quelli lineari e quelli circolari; in effetti, tutto lo sproloquio sulla fisica della luce suesposto si riferiva alla polarizzazione lineare; ma la luce si può anche “vedere” come polarizzata in modo circolare destrorso e circolare sinistrorso; tralasciamo spiegazioni teoriche complesse che includerebbero la trattazione delle fasi delle onde elettromagnetiche e concludiamo con una considerazione pratica: il comportamento dei due tipi di filtro è esattamente identico; tuttavia sconsiglio vivamente di acquistare polarizzatori lineari perché ingannano l’esposimetro e la messa a fuoco automatica. I polarizzatori circolari costano un po’ di piú, ma non combinano scherzi e pertanto sono da preferire. Un’ultima avvertenza: acquistate polarizzatori con anello sottile, altrimenti rischiate di trovarvi con le foto “vignettate”, cioè con triangoli neri ad ogni angolo del quadro; lo sgradevole effetto si verifica solo quando si usano lunghezze focali (ingrandimenti) molto basse perché l’obiettivo “intercetta” l’anello nero che sostiene il filtro.

Corso di fotografia di www.tuttomaldive.it
© Copyright Bruno de Giusti - Utente Ghevèn - Tutti i diritti riservati -

Per consultare on-line gli esperti del sito e per avere consigli ed informazioni
in merito alla fotografia alle Maldive 
partecipa al forum del sito TuttoMaldive.it, nella sezione "Foto e Video"
troverai consigli per fare ottime fotografie alle maldive :

Clicca qui per il Forum dedicato alle isole Maldive

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive
www.tuttomaldive.it