Gangehi novembre 2006  
novembre 2006 by Laura&Ennio

Vacanze di Laura & Ennio al Gangehi Island Resort
12-19 novembre 2006 

Da molto tempo mio marito ed io desideravamo andare alle Maldive , sarebbe stata l’occasione giusta per festeggiare il ns. 28° anniversario di matrimonio ma il dubbio era: ci annoieremo su un’isoletta ? isole maldive fotografie video informazioni consigli di viaggio maldive gangehi resort atollo di ari nord novembre 2006 by Laura&Ennio Ho sempre amato il mare ma mio marito è appassionato di sci e di montagna e praticamente…………….nuota solamente dove tocca, quindi ero particolarmente preoccupata per lui. Consideriamo varie possibilità alla fine la scelta cade sulle Maldive ma volevamo un’isola non troppo grande e con gestione italiana.
L’agenzia mi propone l’Atollo di Ari al Gangehi Island Resort che in quel momento era appena stata acquisita da I Grandi Viaggi. Ho incominciato a cercare nel forum informazioni e foto dell’isola, che dire…………sono rimasta incantata immediatamente grazie alle splendide foto di alcuni utenti, sembrava tutto molto bello, anche il ristorante e gli overwater con il tetto in paglia nello stile maldiviano. Finalmente arriva il giorno della partenza, volo Eurofly da Malpensa in perfetto orario decollo alle 18.05, viaggio tranquillo anche se non comodissimo,cibo mediocre/scadente. 
Come al solito in aereo non riesco a dormire molto quindi ho apprezzato i monitor posizionati sullo schienale di ogni sedile dove poter vedere film e giocare. Arriviamo puntuali a Malè ore 9.05 locali, il tempo è bello, ci accompagnano con un pullmino alla stazione degli idrovolanti. Quando arriva il ns. turno ci danno dei tappi per le orecchie perché il volo è un po’ rumoroso. 
L’idrovolante è pilotato da due ragazzi incredibilmente giovani che pilotano in calzoncini corti e a piedi nudi. Il volo dura 25 minuti ed ecco che inizia lo spettacolo, siamo in preda ad una grande eccitazione e a me spuntano due lacrimoni come sempre quando mi emoziono troppo. La vista dall’alto degli atolli è da mozzare il fiato e siccome avevo guardato e riguardato le foto di Gangehi tante di quelle volte , ancor prima di iniziare a scendere avevo già riconosciuto quello che sarebbe stato il mio paradiso.
Ammarati sulla piattaforma degli idrovolanti c’era ad attenderci il dhoni, la tipica barca maldiviana, isole maldive fotografie video informazioni consigli di viaggio maldive gangehi resort atollo di ari nord novembre 2006 by Laura&Ennio con Stefano e Muryel (la ragazza dell’animazione che ci avrebbe allietato le serate con la sua bella voce). Dopo 10 minuti di navigazione arriviamo al pontile dove i ragazzi maldiviani ci accolgono con salviette rinfrescanti e succhi di frutta. Tutto è ancor più bello di quanto avevo immaginato guardando le foto, l’isola è un incanto, ricca di vegetazione, interamente circondata da sabbia bianca finissima che non brucia mai perché formata dalla sedimentazione del corallo. Su un solo lato ci sono dei muretti anti erosione ma vi assicuro che non danno assolutamente fastidio. A lato del ristorante una lingua di sabbia si inoltra nel mare , passeggiando lungo la lingua ho avuto la fortuna di vedere un piccolo trigone.
Il resort ospita 25 camere tra overwater e ville fronte mare (tranne tre che sono un po’ arretrate nel verde e che dalle notizie che ho letto saranno trasformate in spa). La ns. villa è la n° 27 fronte mare, entriamo e……………………altro spettacolo: una porta finestra che occupa l’intera parete dà l’accesso a un terrazzino in legno con scaletta che scende direttamente in spiaggia. La camera è grande e confortevole, aria condizionata e ventilatore a pale al soffitto, cassaforte, pavimento e soffitto sono in legno scuro (che si rivelerà molto rilassante visto che la luce del sole con il riverbero dell’acqua e della sabbia bianchissima ,affatica un po’ gli occhi).
Il bagno è molto grande , 2 lavandini e la doccia chiusa. Le ville sono collegate tra loro all’interno dell’isola tramite vialetti in legno in mezzo ad una vegetazione molto ben curata ( unico neo che quando piove si scivola un pochino sui vialetti di legno). Sia l’isola che la camera sono sempre pulitissime, rifanno la camera due volte al giorno e la sera ci fanno trovare il letto con simpatiche decorazioni fatte con le lenzuola.
Arrivati in camera ci mettiamo subito il costume e scendiamo sulla nostra spiaggetta, mio marito immerge guardingo solamente le caviglie, io invece come un fulmine entro in quell’acqua trasparentissima e calda, meraviglioso ma………….. altrettanto fulmineamente schizzo fuori dall’acqua perché parecchi pesci abbastanza grossi e dal colore trasparente mi vengono incontro. isole maldive fotografie video informazioni consigli di viaggio maldive gangehi resort atollo di ari nord novembre 2006 by Laura&Ennio Non ero ancora preparata a tanta abbondanza!!!!! Nonostante io sappia nuotare non sono mai riuscita a respirare con maschera e boccaglio ma è stato talmente forte il desiderio di vedere quelle meravigliose creature sott’acqua che ho provato e riprovato perché volevo farcela a tutti i costi, altrimenti perché ero venuta alle Maldive?
Tra una prova e l’altra era giunta l’ora di pranzo. Il ristorante è particolarmente gradevole, foglie di palma da cocco circondano parte del soffitto che delimita la zona buffet, il soffitto è formato da travi in legno e paglia e anche il pavimento è di legno tenuto sempre lucido e pulito . La vista è ottima da qualsiasi angolazione. Veniamo accompagnati al ns. tavolo e sarà quello per tutta la settimana, insieme a noi fanno accomodare un’altra coppia con la quale abbiamo fatto piacevolissime conversazioni. Loro facevano sub e quindi ci raccontavano le loro fantastiche esperienze facendomi venire una voglia matta di provare ma…..calma, non sono più giovanissima, un passo alla volta, dovevo ancora imparare a respirare con il boccaglio della maschera per fare semplicemente snorkelling!!!!!
Mattino e mezzogiorno funziona un buffet ricchissimo, il cibo è ottimo , vengono serviti tutti i giorni due primi di pasta, riso, secondi di carne e pesce a volontà, ottime le bruschette e varie verdure, frutta, dolci buonissimi, gelato, per non parlare delle ottime brioches della colazione, torte frutta ecc. Alla sera la cena veniva servita al tavolo.
Una sera della settimana hanno servito la cena maldiviana, ci siamo vestiti tutti con il pareo e abbiamo mangiato piatti tipici tra cui il carpaccio di pesce che abbiamo molto apprezzato.
Ai tavoli c’era sempre del tè freddo (il trattamento era pensione completa)
Il personale è dolce e gentilissimo, sempre sorridente ed educato, il loro ricordo resterà per sempre impresso nei ns. cuori.
Attiguo al ristorante c’è il bar, in mezzo alla sala domina un caratteristico acquario ricco di pesciolini colorati, qui alle 17.30 Armando ci coccolava con tè , biscotti e varie torte buonissime mentre alla sera, prima di cena, ci venivano offerte banane fritte , tartine, patatine. 
Lo stesso rito si ripeteva al mattino in spiaggia dove prima di pranzo ci venivano offerte pizzette. Devo dire che proprio qui in questo confortevole bar arredato con graziose poltrone in giunco abbiamo trascorso il tempo nelle ore piovose (purtroppo abbiamo avuto due giorni interi di pioggia) ma la cosa strana è che non ce ne siamo resi conto, si è creata una sorta di affiatamento tra gli ospiti. isole maldive fotografie video informazioni consigli di viaggio maldive gangehi resort atollo di ari nord novembre 2006 by Laura&Ennio Chi chiacchierava, chi giocava in gruppo con il caratteristico gioco da tavolo maldiviano (non ricordo il nome) chi usciva ugualmente a fare snorkelling sotto la pioggia perché l’acqua del mare è comunque sempre calda.
Dal bar abbiamo avvistato aquile di mare e una piccola murena che è arrivata fin sulla spiaggia. Poi arrivava sempre un simpatico airone che era stato battezzato Giuseppe .
Una nota di merito a Stefano, il capo villaggio, che ci accompagnava a snorkelling era sempre molto propositivo e pieno di ottimismo anche quando il tempo era brutto, senza essere invadente. La prima sera, in assenza della biologa marina, ci ha mostrato un video per farci conoscere i pesci tropicali della barriera corallina che avremmo incontrato, con relativi consigli di comportamento in acqua.
Devo a lui se ho finalmente imparato a respirare con il boccaglio anche se ai molti esperti sembrerà una cosa semplice.
Si facevano due uscite giornaliere gratuite con il dhoni sia per chi come me faceva snorkelling sia per chi faceva sub. Un giorno abbiamo avvistato dal dhoni dei delfini, tutti eravamo incantati da tanta bellezza. Indimenticabile anche la sensazione che ho provato quando, messa la testa sott’acqua mi sono trovata a tu per tu con coralli, pesci Balestra,Pappagallo, Pagliaccio, Anemoni, Chirurgo, tartarughe. Non dimenticherò mai il colore del mare che si vede spostando lo sguardo dalla barriera corallina verso il mare più profondo, è come affacciarsi da un terrazzo e vedere un meraviglioso blù pieno di pesci colorati, questo spettacolo resterà per sempre impresso nei miei occhi. Con dispiacere di molti ma con mia grande gioia non abbiamo mai incontrato squali, anche se sò che lì sono innocui non riesco ad immaginare quale sarebbe stata la mia reazione. Una volta risaliti sul dhoni ci veniva offerto del cocco dai gentilissimi maldiviani. Tra le attività del villaggio Stefano nel pomeriggio, dopo l’uscita snorkelling, proponeva spinning sul pontile. Un pomeriggio c’è stata la sfida di pallavolo tra maldiviani e ospiti (i maldiviani sono fortissimi) . isole maldive fotografie video informazioni consigli di viaggio maldive gangehi resort atollo di ari nord novembre 2006 by Laura&Ennio Vi domanderete che fine abbia fatto mio marito timoroso dell’acqua ebbene anche lui si è ammalato di maldivite.
Aspettava me in completo relax sulla spiaggia comune che si trova di fianco al ristorante dove ci si poteva rilassare su comodissimi lettini sotto ombrelloni di paglia. Quando arrivavo dalla mia uscita snorkelling restava contagiato dal il mio entusiasmo per tutto quello che avevo visto e con giubbotto salvagente, pinne e maschera veniva con me a fare snorkelling sul reef davanti al ristorante a cui si accedeva con poche pinnate e che a quantità di pesci e coralli non aveva niente da invidiare agli altri reef che avevo visto, anzi… . Poi circumnavigavamo l’isola con le canoe messe a disposizione di tutti.
Inoltre avevamo legato benissimo con alcuni ospiti del resort . Con loro dopo cena Ennio giocava al famoso gioco maldiviano (quello di cui non ricordo il nome), Armando gli aveva insegnato le regole del gioco e svelato alcuni sistemi per spingere il dischetto nel buco del tavolino. Per questo gioco era stato organizzato un torneo che con sua grande soddisfazione ha vinto. 
Tra le uscite a pagamento c’era la pesca al bolentino e la visita all’isola dei pescatori.
Suggestiva la pesca al bolentino perché alla luce della luna il mare luccica di plancton . Per pescare non si usano canne o reti ma un semplice filo di nylon tenuto all’estremità da un bastoncino. Con l’aiuto del maldiviano ho pescato una cernia enorme dai colori bellissimi ma poiché io adoro gli animali, tutti anche i simpatici gechi , avrei voluto liberarla e ributtarla in mare.
Non è stato possibile farlo e ho capito che per quel popolo la pesca fa parte di una catena alimentare a cui non si può rinunciare.
L’isola dei pescatori invece è un villaggio dove vivono donne e bambini con occhi stupendi e pescatori che costruiscono i dhoni. Ci sono diversi negozietti dove poter acquistare souvenir. Qui abbiamo annodato le radici aeree della pianta del pane esprimendo un desiderio. Anche a Gangehi c’è una boutique dove un sarto maldiviano confeziona vestiti tipici su misura e dove si possono acquistare parei e souvenir. Per chi lo desidera c’è un centro massaggi a pagamento e su prenotazione. Sull’isola c’è anche un’infermeria con medico italiano sempre presente.
Non posso dare un’opinione personale sul centro diving ma ne ho sentito parlare bene.
Questi 7 giorni sono passati in fretta come tutte le cose belle, quando io e mio marito sentiamo qualcuno dire che non va alle Maldive per paura di annoiarsi ci guardiamo e sorridendo pensiamo: “loro ancora non sanno cosa si stanno perdendo”.
A chi consiglierei una vacanza alle Maldive? A chi ha bisogno di rilassamento totale, coccole, animazione soft ma sempre presente e attenta in un contesto naturale che non ha eguali, a chi vuole vivere un’esperienza a diretto contatto con la natura, a chi non interessa la jaccuzzi e tutte quelle altre cose a cui nella vita frenetica di tutti i giorni non sappiamo più rinunciare.
Un consiglio : lasciate a casa le scarpe, bastano un paio di ciabatte o infradito o sandali, portate una kiway per le ore di pioggia, creme solari , occhiali e cappellino (il sole è molto forte).
Spero di essere riuscita con questo mio racconto a trasmettervi le mie emozioni e chissà………………….. a convincere qualche marito titubante che per amore si vince anche la paura dell’acqua. 
Grazie Gangehi, grazie Maldive arrivederci……….

Un saluto a tutti da Laura & Ennio

novembre 2006 by Laura&Ennio

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive isole maldive viste da vicino : racconti, informazioni e consigli utili e foto dei viaggi o delle crociere degli amici di www.tuttomaldive.it
www.tuttomaldive.it