Sun island resort luglio 2008
by Fabrizio&Silvia

Pubblichiamo il testo delle lamentele  di Fabrizio&Silvia nei confronti del tour operator Albatour per i disagi e i disservizi subiti  durante il viaggio  al sun island resort isola di nalaguraidhoo atollo di ari sud nel luglio 2008.  

 

A:   ALBA TOURS – MANY TOURS S.R.L. 
      CIRCINVALLAZIONE APPIA 50 00179 ROMA

      CAESAR TOUR – AGENZIA GEOMETRIA VIAGGI 
      CORTESE ATTENZIONE SIG.NA XXXXXXXX
      VIA DELLA MAGLIANA 179 A/B 00146 ROMA

e, per conoscenza:

     ADUC ASSOCIAZIONE PER I DIRITTI DEGLI UTENTI E CONSUMATORI
     VIA MONTE DELLE GIOIE 13 000199 ROMA

     MI MANDA RAI TRE VIA TEULADA 66 00195 ROMA




OGGETTO: SEGNALAZIONE INADEMPIENZA CONTRATTUALE (ENNESIMA VACANZA ROVINATA).


Noi sottoscritti Fabrizio XXXXXXXXXX e Silvia XXXXXXXXXXX, appena tornati dalla vacanza alle Maldive effettuata dal 21 al 29 luglio all’atollo di Ari presso la struttura Sun Island da Voi organizzata, vi scriviamo per evidenziare taluni disservizi da noi patiti in concomitanza del trasferimento al luogo prescelto per le nostre ferie, nonché durante la permanenza in loco, e, in particolare, per significarVi quanto segue:

1. innanzitutto, il vettore aereo EUROFLY da Voi prescelto, è partito da Roma con 3 ore di ritardo, con la conseguente partenza slittata dal giorno 21 luglio al 22 all’una e trenta del mattino.
Tale ritardo pareva essere conosciuto preventivamente dal momento che ci è stato comunicato già all’appuntamento con il tour operator alle 19.30, presso il terminal AA dell’aeroporto di Fiumicino, ma naturalmente non ci è stato comunicato ne’ dal tour operator ne’ dall’agenzia.

2. All’aeroporto di Malè abbiamo sostato altre 3 ore in attesa che venisse presa una decisione sulla nostra sorte, senza alcuna comunicazione di nessun genere né pranzo.
Infatti, arrivati all’aeroporto di Malè alle 13.30, a causa del ritardo aereo, siamo stati accolti da un rappresentante ALBATOUR maldiviano, il quale ci ha comunicato che, a causa del maltempo (forte vento e mare mosso) probabilmente ci avrebbero trasportati al Sun Island con l’idrovolante piuttosto che con la barca veloce (per noi prevista).
Dopo tale comunicazione, tuttavia, ci hanno completamente abbandonato a noi stessi, senza farsi più vedere, ne’ tantomeno aggiornarci in alcun modo.
In quel frangente non abbiamo neanche potuto mangiare, dato che in qualunque momento speravamo di vedere arrivare il rappresentante ALBATOUR che ci invitasse a partire nell’immediato con l’idrovolante.
Invece, alle 16 circa, una ragazza assai scortese di nome CLAIRE del tour operator THOMAS COOK ci ha finalmente chiamato e ci ha detto che a causa del forte vento saremmo stati trasferiti con barca veloce e non con l’idrovolante su un’altra isola, al PARADISE ISLAND, della stessa catena del SUN ISLAND e molto più vicino all’aeroporto di quest’ultimo.
Abbiamo tentato, ovviamente, di protestare e abbiamo altresì chiamato a nostre spese l’agenzia Caesartour Geometria viaggi affinché intercedesse per noi (con aggravio ulteriore di costi) presso ALBATOUR.
Ci hanno assicurato, comunque, che l’indomani ci avrebbero portato al luogo da noi prescelto e ci hanno detto che tale decisione era insindacabile perché dettata da una imprescindibile esigenza di sicurezza. Hanno tenuto ad informarci che gli idrovolanti non volavano più perché il vento era aumentato e il mare era troppo grosso per sostenere una navigazione di 2 ore e mezzo per raggiungere il SUN ISLAND.
In realtà, però, durante la nostra permanenza al SUN ISLAND (l’indomani effettivamente avvenuta), siamo venuti a sapere che alcune persone di altri tour operator (FLY AWAY, THOMAS COOK ed altri) erano state regolarmente trasportate in idrovolante il giorno del nostro arrivo senza ritardi ne’ problemi.
Siamo, quindi, conseguentemente, partiti alla volta del PARADISE ISLAND, dove siamo arrivati dopo le 17.00. Lì abbiamo preso, ovviamente a pagamento, un aperitivo con degli snacks (dato che morivamo di fame!) e abbiamo cercato di capire se e come saremmo stati trasportati al SUN ISLAND.
Quella sera hanno cambiato versione almeno 3 volte, dicendoci una volta che ci saremmo andati con l’idrovolante ad un’ora, un’altra con la barca veloce ad un’altra ora, creandoci una gran confusione in testa e senso totale di smarrimento, anche e soprattutto a causa del completo abbandono del tour operator.
Finalmente, l’indomani mattina siamo partiti con la barca veloce, alzandoci alle 7.00 di mattina, attendendo un’ora in aeroporto (dove abbiamo nuovamente sostato) e arrivando a destinazione solo dopo le 12, perdendo così un’altra mattinata.
In conclusione, tra tutti questi ritardi e spostamenti, abbiamo perso un giorno di vacanza, non abbiamo usufruito del pranzo da noi pagato, abbiamo speso anche dei soldi per telefonare in Italia e ci siamo decisamente innervositi ed inquietati (provando sentimenti certamente non compatibili con lo scopo di svago di una vacanza). Senza parlare del fatto che tutte queste discussioni sono avvenute in inglese, perché i maldiviani (compreso il fantomatico rappresentante ALBATOUR in aeroporto) parlano solo inglese e i nostri compagni di viaggio che non lo parlavano venivano a chiedere a noi come comportarsi, a causa dell’assenza di altri referenti (praticamente, abbiamo fatto noi i rappresentanti ALBATOUR in loco!).

3. La struttura SUN ISLAND è decisamente bella ma piena di topi che la sera girano indisturbati nei vialetti assai poco illuminati: cosa inammissibile per un 5 stelle!!!

4. Anche in loco, qualsiasi discussione o problematica sorta, è stata gestita esclusivamente da noi in via autonoma: nessuno intercedeva a nostro favore. Anzi, come già detto, abbiamo dovuto spesso tradurre per altri italiani in difficoltà.
Anche la riunione informativa sulle escursioni chiaramente era solo in inglese e non c’era neanche una bacheca di ALBATOUR con i consigli sul viaggio che altri tour operator anche italiani, avevano.

5. Il viaggio di ritorno è stato non meno avventuroso e stressante dell’andata.
Il giorno antecedente al rientro, infatti, l’albergo ci ha regolarmente comunicato l’orario di partenza dell’idrovolante e l’orario di partenza del nostro volo principale che miracolosamente risultava in orario.
Il giorno dopo abbiamo scoperto che EUROFLY portava 16 ore di ritardo e ci avrebbero imbarcato su un diverso volo, che, poi, abbiamo realizzato essere di LIVINGSTONE.
Ma non basta: l’attesa dell’idrovolante è stata infinita, infatti lo stesso è arrivato con un’ora e mezzo di ritardo, facendoci giungere in aeroporto un quarto d’ora prima dell’orario previsto per la partenza, con nostra notevole ansia e paura di perdere l’aereo.
Siamo corsi, così, al check in, dopo aver chiesto informazioni ai rappresentanti italiani di PHONE AND GO e TEOREMA (di ALBATOUR neanche l’ombra!!!), e lì ci hanno detto che non ci avrebbero imbarcati tutti sul volo LIVINGSTONE ma ci avrebbero divisi un po’ su quel volo e un po’ sul volo della BLUE PANORAMA, che sarebbe partito 3 ore dopo.
Dopo molte proteste, sempre gestite da noi perché il rappresentante ALBATOUR maldiviano in aeroporto è apparso un attimo (in notevole ritardo!) ed è subito sparito, ci hanno finalmente rassicurato sulla possibilità di partire tutti, ma, dopo che ci hanno dato le nostre carte d’imbarco, hanno cambiato di nuovo idea e hanno sentenziato che gli altri sarebbero partiti col volo dopo.
Conclusione, anche loro sono partiti con noi, ma il nulla osta è arrivato solo dopo un’ora e il volo ha raggiunto comunque un’ora e mezzo di ritardo.

Ora noi, viaggiatori incalliti e appassionati, facciamo parte del gruppo che l’anno scorso ha vissuto problematiche da fantascienza all’Helioland di El quseir e siamo stati molto contenti della risoluzione rapida ed efficace del tour operator, tanto che abbiamo accettato un risarcimento forfettario irrisorio per i disagi patiti solo per concludere la vertenza, ma siamo rimasti stavolta molto delusi da ALBATOUR, che ha belle strutture che gestisce molto male con vettori aerei che fanno il bello e il cattivo tempo e con un’assistenza totalmente inconsistente.
Quindi, anche in relazione al prezzo del pacchetto, ci aspettiamo un sollecito e cortese riscontro del tour operator, con l’avvertimento che, in mancanza, si adiranno le opportune vie legali, con ulteriore aggravio di costi ed oneri a Vostro carico.


IN FEDE
Fabrizio XXXXXXXXXXXXXXXXX


IN FEDE
Silvia XXXXXXXXXXXXXXXXX

Per discutere di questo argomento e per avere ulteriori informazioni 
partecipa al forum del sito TuttoMaldive.it, nella sezione Tutela legale, 
troverai i consigli dell'avvocato, degli esperti e di chi conosce bene le Maldive:

partecipa al forum "Tutela legale"
del sito dedicato alle isole maldive

contattaci per pubblicare le tue lamentele e disservizi subiti prima, durante e dopo un viaggio alle isole maldive

Contattaci per la pubblicazione delle tue lamentele

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive