Kihaad febbraio 2007  
febbraio 2007 by Barbara&Alberto
Febbraio 2007 - Isola di Khiaad “Viaggio verso il paradiso”- racconto di Barbara e Alberto
isole maldive : fotografie informazioni notizie e consigli utili kihaad resort isola di kihaadhuffaru atollo di baa febbraio 2007 by Barbara e Alberto Dopo aver cullato il sogno delle Maldive per diversi anni, finalmente quest’anno siamo riusciti a realizzarlo.
Perchè abbiamo scelto Khiaad?
A dire il vero, prenotando poche settimane prima della partenza, la scelta poteva cadere su un numero limitato di strutture, per lo più internazionali. I villaggi italiani “più a buon prezzo”erano esauriti già prima di Natale. Febbraio è un mese ambito dai vacanzieri che si spostano nei paesi caldi. Per mio marito è stato amore a prima vista, quando ha sfogliato il catalogo Valtur e ha visto la foto dell’isola e della sua laguna ha detto “Voglio andare lì!”. E così è stato.

Il viaggio
- Siamo partiti dal Milano Malpensa il 4 febbraio alle 19 con volo Eurofly durato circa 9 ore. Alle 7 del mattino del giorno seguente siamo atterrati puntuali all’aeroporto di Male. Lì ci attendeva un ragazzo Valtur che ci ha accompagnato all' aeroporto della Transmaldivian dove siamo saliti sull’ idrovolante che ci ha condotti sull’isola distante isole maldive : fotografie informazioni notizie e consigli utili kihaad resort isola di kihaadhuffaru atollo di baa febbraio 2007 by Barbara e Alberto 119 km dalla capitale. 
Il volo, durato circa 30 minuti, è stato senz’altro uno dei momenti più suggestivi della vacanza: da lassù si poteva ammirare un mare turchese dai mille colori, isole verdissime e atolli di sabbia.

L’isola
- Lo staff Valtur ci ha accolti con simpatia offrendoci latte di cocco e salviettine umide per rinfrescarci. L’impatto con l’isola è stato forte: il colore del mare, il candore della spiaggia e il vento caldo ci davano il benvenuto nel nostro paradiso. Khiaad è bella nelle foto ma la realtà supera le aspettative.

isole maldive : fotografie informazioni notizie e consigli utili kihaad resort isola di kihaadhuffaru atollo di baa febbraio 2007 by Barbara e Alberto Le camere - Una ragazza ci ha accompagnato nel nostro bungalow n° 253. 
Le sistemazioni dell’isola sono diverse: overwater, bungalow deluxe, standard vista mare o senza. Noi eravamo in quest’ ultima tipologia, ma a dire il vero non ci siamo pentiti di questa scelta più economica. Tolte le deluxe vista mare, davvero splendide posizionate sulla spiaggia principale, le altre camere in prima fila situate nella parte est dell’isola sono coperte da una ricca vegetazione che preclude la visuale e sono spostate solo una decina di metri in avanti rispetto alle altre. Un vantaggio di isole maldive : fotografie informazioni notizie e consigli utili kihaad resort isola di kihaadhuffaru atollo di baa febbraio 2007 by Barbara e Alberto posizione a nostro parere irrilevante visto il prezzo superiore.
I bungalow sono davvero belli, ben arredati in stile etnico con gran letto a baldacchino in centro, divano, TV, frigobar. I servizi sono esterni, ben curati, puliti e con doccia maldiviana.

La spiaggia
- La spiaggia più ampia si trova a ovest davanti al bar e al ristorante. Qui il reef è abbastanza vicino, si può fare agevolmente snorkeling e vedere molti pesci colorati. Nella parte est la laguna è più ampia, la barriera più lontana così che si può camminare con l’acqua sotto la vita per centinaia di metri. Bisogna fare attenzione ai coralli morti sul fondale che graffiano i piedi. Questa parte dell’isola rimane piacevolmente ventilata, il colore dell’acqua assume sfumature di differenti gradazioni di turchese. Purtroppo la spiaggia non circonda l’intero perimetro dell’isola, in alcuni punti à stata erosa dalle maree mentre a sud sono ben evidenti i danni dello tsunami del 2004.

Il ristorante
– Il trattamento proposto da Valtur è di pensione completa con bevande ai pasti. Il ristorante “Le palme” è davvero suggestivo, isole maldive : fotografie informazioni notizie e consigli utili kihaad resort isola di kihaadhuffaru atollo di baa febbraio 2007 by Barbara e Alberto posizionato sulla spiaggia con tavolini da 6-8 persone dove alla sera veniva servita la cena a lume di candela. Il servizio è stato davvero impeccabile. La qualità del cibo è discreta e deve fare i conti con la difficoltà di approvvigionamento causato dalla posizione dell’isola. A mezzogiorno gran buffet con pasta calda e fredda, riso, pesce ai ferri, insalate, pizza e frutta. La sera la cena è servita a volte à la carte al tavolo mentre altre a buffet con piatti internazionali. Una sera ci hanno servito l’aragosta. Da segnalare la grande varietà di dolci. Il costo della bevande extra al bar non è particolarmente elevato, circa 2 euro la bottiglia d’acqua da 1,5 l, poco di più la coca cola e poco meno il caffè.

Le attività
– Come si passa il tempo nell’isola? Dedicandosi agli sport proposti: canoa, catamarano, tennis, pallavolo, ping pong, acquagym. Ci si può divertire con balli latini o provare tecniche di rilassamento in spiaggia al tramonto. 
Ci si può regalare un massaggio al centro benessere o fare snorkeling tra i pesci della barriera. Tra le escursioni proposte: pesca al bolentino, isola dei pescatori e “paradise day”. Quest’ ultima è davvero consigliata: siamo stati condotti in dhoni su di un’isola deserta ricca di vegetazione caratterizzata da una suggestiva lingua di sabbia che si incuneava in un mare cristallino 
Vengono anche organizzate uscite collettive di snorkeling, in una di questa abbiamo visto le tartarughe. 
C’è la possibilità di affittare pinne e maschere al diving, ma conviene portarseli da casa visto il costo di 6 euro ciascuno al giorno.
I ragazzi dello staff ogni sera hanno organizzato piacevoli spettacoli: musical, cabaret, giochi. A seguire musica e balli sulla spiaggia
La settimana è volata tra una passeggiata sulla spiaggia, raccogliendo conchiglie dalle svariate forme, osservando i paguri che si ritraevano nel guscio al nostro passaggio ma soprattutto godendosi il colore del mare, il silenzio e la pace di un cielo stellato. Non ci si annoia alle Maldive, si entra in un’altra dimensione, qui si ritorna a ritmi più lenti e ad apprezzare le piccole grandi cose che la natura offre. E la natura alle Maldive è incredibilmente generosa.

Perché andare a Khiaad?
- non ci sono muretti anti erosione
- la spiaggia è davvero ampia e la laguna molto bella
- essendo nell’atollo di Baa Malè rimane lontana dalle rotte degli aerei e delle navi
- l’isola è un’ora avanti rispetto a Male, il sole tramonta più tardi e quindi le giornate sono più lunghe
- i bungalow sono ben arredati, la pulizia della camera e il sevizio offerto sono lodevoli.

Ci sono Difetti di Khiaad?
-evitare le overwater, alcune di queste sono ormai over-sand e richiedono una buona manutenzione 
- c’è una parte dell’isola da sistemare con 2 bungalow pericolanti.
- staff sportivo non sempre all’altezza delle aspettative
- i costi delle escursioni e dello snorkeling sono abbastanza elevati (dalle 26 alle 53 euro)

Buon viaggio a tutti!

febbraio 2007 by Barbara&Alberto

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive isole maldive viste da vicino : racconti, informazioni e consigli utili e foto dei viaggi o delle crociere degli amici di www.tuttomaldive.it
www.tuttomaldive.it