Kuramathi Village 2007  

gennaio 2007 by Ylenia&Michele (utente forum maldive gattolibero)

Racconto Kuramathi Village e Kandholhudhoo dal 12 al 20 gennaio 2007 Ylenia&Michele
Ho prenotato il viaggio alle Maldive tramite un sito di viaggi on-line, dopo un mese di attenta osservazione delle varie offerte su internet. guida illustrata dei resort turistici, delle barche da crociera e delle immersioni. mappe dettagliate di tutti gli atolli, dei luoghi di immersione e schede della fauna sottomarina. Non è mancata la lettura di una pila di cataloghi, un paio di giri in agenzia viaggi dove non ho ricevuto delle gran informazioni, e l'acquisto di due utilissime e indispensabili guide: Tuttomaldive (25 €) e la Lonely Planet (16 €). 
Ho scelto il Kuramathi Village (atollo di Rashdoo) perché corrispondeva meglio alle nostre esigenze, in particolare un budget "basso" e un'isola non troppo piccola, essendo la prima volta alle Maldive, ci preoccupava un po' il fattore "noia da isola piccola" (assolutamente inesistente!).
Siamo andati per una settimana dal 12 al 20 gennaio in coppia, spendendo 1240 euro a testa in pensione completa, incluso tutto: tasse, trasferimenti, assicurazioni ecc. Le uniche cose che abbiamo pagato in loco sono le bevande (noi abbiamo bevuto solo acqua), le escursioni e il brevetto PADI Open Water.
Partiamo venerdì 12 gennaio da Bologna alla volta di Milano Malpensa. I biglietti ce li danno al bancone del nostro tour operator (flyaway e butterfly, mai sentiti prima, ma molto efficienti), facciamo il check-in e partiamo con 20 minuti di ritardo con un volo Eurofly. Il giudizio sul volo è molto buono, siamo stati bene e siamo arrivati puntuali a Malè la mattina successiva.
Appena sbarcati ritiriamo i bagagli e ci dirigiamo al bancone segnalato nei nostri documenti di viaggio, ci dicono di aspettare al bar o nei dintorni, dopo 1 oretta partiamo con la barca per il Kuramathi. isole maldive fotografie informazioni notizie isole maldive kuramathi village resort isola di kuramathi atollo di rasdhoo e kandholhudhoo atollo di ari nord nel gennaio 2007 by Ylenia e Michele utente forum maldive gattolibero Il viaggio in barca è stato buono, a parte l'aria condizionata troppo alta.
All'arrivo ci aspetta Debora, l'incaricata per gli ospiti italiani, con un cocktail di benvenuto e un piccolo briefing sull'isola, dandoci appuntamento per la sera per una riunione di orientamento. Assegnate le camere ci sistemiamo e ci riposiamo un po'.
Appena arrivati, a parte l'emozione di vedere i piccoli atolli dall'aereo e dalla barca, non scorderò mai l'immagine della nostra isola. Ricchissima di vegetazione, sembrava un'isola deserta, mi ricordo un signore che ha detto "oh qui non si torna più indietro".
La camera standard è molto pulita (grazie a Majid, il nostro room-boy), spaziosa, dotata di aria condizionata e minifrigo, bagno con doccia interna, un po' sbucciate le mattonelle. Per chi ama un arredo più curato, dovrà scegliere altre tipologie di camere, per noi ogni cosa in più sarebbe stata superflua. Il bungalow è circolare con tetto in paglia, la verandina e il giardino, davanti ci sono un po' di palme e la spiaggia con il mare e il reef. 
L'isola è molto grande, dal lato del village c'è la spiaggia con il reef raggiungibile in poche bracciate, non è facile passare nella barriera esterna, si riesce a passare solo con l'alta marea (pena scorticarsi con i coralli come ho fatto io :-)) e anche in quel caso bisogna stare attenti.
L'altro lato dell'isola ha la laguna senza reef, quindi ci può fare il bagno senza problemi, tirava vento e il mare è sempre stato mosso. Qui la vista è delimitata da molti brutti muretti antierosione. In questa parte dell'isola ci sono stata solo la prima mattina a fare il bagno e prendere il sole, preferivo la parte con il reef.
In fondo all'isola c'è una bellissima lingua di sabbia bianca che si perde nell'oceano, luogo ideale per il tramonto. Anche questa lingua di sabbia si divide in due parti: da un lato il mare calmo protetto dal reef, dall'altro il mare mosso, incredibile! In questa zona è assicurato l'incontro con molte piccole razze (o trigoni) che vengono a riva, nonché tanti squaletti pinna nera.
isole maldive fotografie informazioni notizie isole maldive kuramathi village resort isola di kuramathi atollo di rasdhoo e kandholhudhoo atollo di ari nord nel gennaio 2007 by Ylenia e Michele utente forum maldive gattolibero L'isola è ricca di vegetazione estremamente curata dai giardinieri, è un vero giardino tropicale, con fiori, palme e tantissime piante. 
Nell'isola ci si può spostare a piedi, oppure c'è un servizio di navetta, un pullmino piccolino durante il giorno o le macchine elettriche da golf la sera. La navetta è su richiesta, quando hai bisogno la fai chiamare dalla reception.
Per me è una buona idea e non disturba affatto l'atmosfera, la trovo una cosa sensata, a chi non piace può sempre andare a piedi e ignorarla…
Il ristorante principale per il Village è l'Haruge dove si mangia benissimo. Noi siamo stati davvero contenti di tutti, ma proprio tutti i pasti. Il pranzo di solito è a buffet, ci sono alcune serate a tema, quella maldiviana è la migliore.
Il resort è internazionale, quindi si parla sempre in inglese con tutti i maldiviani e gli ospiti sono di varie nazionalità, principalmente inglesi, tedeschi e italiani.
Il mio ragazzo ha preso il brevetto PADI open water in 4 giorni, facendo immersioni mattina e pomeriggio e studiando un po' di teoria (ti danno anche un libro). Il centro diving è molto buono, ce ne sono 2 sull'isola, decidono loro a quale istruttore affidarti. Il suo istruttore è stato Arthur Portmann, svizzero, con cui si è trovato benissimo e che parla anche italiano. All'inizio c'erano solo lui e l'istruttore, dopo si è aggiunto un ragazzo polacco e quindi le lezioni erano anche in inglese, si è divertito da matti e ha visto un sacco di cose (che invidia), squali e tartarughe comprese. L'esame scritto l'ha superato subito il quarto giorno senza problemi.
Mentre il mio ragazzo passava la maggior parte del tempo a fare immersioni, io ho imparato a fare snorkelling (a proposito, ci sono lezioni di snorkelling per i principianti, ma sono poco pubblicizzate, andate al Water Sport Center, ci sono molte cose), finalmente ho messo la testa sottacqua e ho visto la meraviglia. Non avrei mai creduto di appassionarmi così. Il mio pensiero fisso era quando sarei tornata in acqua a vedere i pesci.
Entrambi abbiamo preso poco sole (complice anche la crema protezione 40?), eravamo sempre in acqua con la muta. Importante: portatevi la muta a mezze maniche anche solo per fare snorkelling, è indispensabile per non sentire freddo (si passano delle ore in acqua) e per non farsi male se si sfregano i coralli (purtroppo a me è successo). Sono consigli elementari, ma io non sapendo niente, non l'avevo e mi sono trovata male, alla fine la "rubavo" spesso al mio ragazzo. Purtroppo sull'isola non la noleggiano se non fai il corso per i sub. Sono raccomandate le pinne per stare nella barriera esterna, le correnti possono essere forti e se sei stanco, ti aiutano a rientrare senza problemi.
La barriera del Kuramathi è bella, almeno per i principianti, è ricca di pesci, c'è una visibilità fino a 25 metri. Ci sono anche molti pesci grandi rispetto ad altre barriere (questo me l'ha detto il biologo!). Io non sono riuscita a farla tutta, il mio ragazzo in immersione ha impiegato 45 minuti per farla.
Nell'isola è presente una Biostation con due biologi davvero in gamba. Organizzano lo snorkelling safari di 2 ore (25 $), ti portano con la barca e poi fanno snorkelling con te facendoti vedere i vari pesci. Lo fanno in lingua inglese, tedesca e italiana (italiano il venerdì). Alcune sere organizzano lo slide show, ve lo consiglio vivamente, proiettano le foto scattate sulla barriera del Kuramathi e ti spiegano tutto sui coralli e i pesci. Il biologo è un mito, io l'ho adorato subito ed è stata la serata più bella.
Un'altra sera ci siamo seduti al bar del Blue lagoon davanti al mare, c'era un ottimo complesso che suonava musica dal vivo in inglese.
In generale al Kuramathi non ci si annoia, non c'è animazione, ma vengono organizzate molte cose. Oltre alla musica dal vivo, la sera alle 18.30 dal pontile del Blue lagoon si possono ammirare le pastinache (razze) alimentate da un maldiviano, è uno spettacolo incredibile, sembrano dei cagnolini che guaiscono e si arrampicano sulle gambe del padrone. Non so se il biologo è molto contento di questo…
Ci sono diverse escursioni: 
island hopping: in un giorno ti portano all'isola dei pescatori, su un'isola deserta per un barbecue e a Veligandu (un resort vicino).
Rashdoo shopping: tutti i pomeriggi per un paio d'ore, shopping all'isola dei pescatori
isole maldive fotografie informazioni notizie isole maldive kuramathi village resort isola di kuramathi atollo di rasdhoo e kandholhudhoo atollo di ari nord nel gennaio 2007 by Ylenia e Michele utente forum maldive gattolibero Kandholhudhoo: quello che abbiamo scelto noi e che secondo me è il top: un'escursione di 2 giorni con pernottamento in questo splendido atollo ad Ari, riserva marina protetta, dove i coralli hanno conservato tutti i loro colori e la barriera è magnifica. Questa escursione non è molto pubblicizzata, ma è un vero sogno. 
Noi abbiamo fatto i primi 5 giorni al Kuramathi (sabato-mercoledì, il tempo di prendere il brevetto PADI!) e gli ultimi 2 a Kandholhudhoo (giovedì-venerdì). Siamo partiti alle 10 di mattina in motoscafo veloce, eravamo solo noi e un'altra coppia. In mezzora arriviamo a Kandholhudhoo,ci mostrano l'isola: è perfetta, tonda, di sabbia bianca e soffice, con un mare cristallino dove si può fare il bagno, circondata da coralli blu, rosa e fuxia, ci sono due passaggi facilissimi per passare alla parte esterna del reef (ottimo per i principianti!). In cinque minuti si fa il giro, è presente una SPA (cosa che non mi interessava, ma per gli appassionati, posso dire che è molto bella), un diving center, il ristorante e bar. Si gira ovunque scalzi, il pavimento è sempre in sabbia. 
Il resort è lussuoso, tutto è estremamente curato: arredamento e design, doccia maldiviana, alta cucina. L'escursione ci è costata 300 $ in camera standard a coppia, tutto compreso, il prezzo dipende dal tipo di sistemazione che si sceglie a Kandholhudhoo. 
Splendida vegetazione con presenza delle gallinelle maldiviane. C'è una pace e un silenzio inimmaginabili. Unica nota stonata: nel bagno entravano gli scarafaggi. La porta della doccia maldiviana non era completamente sigillata e in fondo c'è una fessura da cui probabilmente entravano.
A Kandholhudhoo il mio ragazzo ha fatto un'immersione nell'housereef, bellissimo con presenza di molte tartarughe. Io ho fatto snorkelling, un vero e proprio giardino sommerso, tanti coralli a "foglia larga" ho visto pure una manta scomparire nel blu! Una quantità immensa di pesci in branco, c'è stato un momento in cui eravamo letteralmente circondati da ogni lato!
Venerdì sera, alle 17.45 siamo tornati al Kuramathi in motoscafo, già avevo nostalgia della mia isoletta.isole maldive fotografie informazioni notizie isole maldive kuramathi village resort isola di kuramathi atollo di rasdhoo e kandholhudhoo atollo di ari nord nel gennaio 2007 by Ylenia e Michele utente forum maldive gattolibero
Sabato mattina siamo ripartiti alla volta dell'Italia, abbiamo preso il barcone alle 6 di mattina dal Kuramathi, il tragitto è stato orrendo, molta gente ha rimesso, noi per fortuna abbiamo resistito bene, però la prossima volta prenderei senza dubbio l'idrovolante anche se costa di più.
Volo Eurofly partito con 1 ora di ritardo, tutto normale il rientro.
Il clima che abbiamo trovato: variabile. Non abbiamo mai preso pioggia, ma non abbiamo nemmeno mai visto il cielo limpido. Di solito c'era il sole a volte alternato per pochi minuti alle nuvole. A Kandholhudhoo: un giorno di sole accecante e un giorno completamente coperto. 
In conclusione, l'isola mi è piaciuta perché ha un ottimo rapporto qualità/prezzo ed inoltre è stata vincente la scelta di fare 5 giorni nell'isola grande (Kuramathi), e 2 nell'atollo piccolo (Kandholhudhoo). 
Al Kuramathi non c'è "l'effetto Rimini", opinione che ho letto in giro, anche se l'isola è grande e con molte camere non si incontra mai nessuno tranne nelle aree comuni come il ristorante, ci chiedevamo spesso: "ma dove si disperde tutta questa gente?" Se Rimini fosse come il Kuramathi mi sarei già fatta la seconda casa, credetemi.
La consiglio a chi ha paura di annoiarsi alle Maldive, nell'atollo grande non c'è possibilità di annoiarsi o di sentirsi "oppressi" dalle piccole dimensioni, il bello del Kuramathi è che allo stesso tempo non c'è animazione, che personalmente detesto. Come caratteristiche naturali e bellezza mi è piaciuto di più l'atollo piccolo. La prossima volta (perché di sicuro ci sarà una prossima volta) penso che proverò l'atollo medio…
Ylenia&Michele

gennaio 2007 by Ylenia&Michele (utente forum maldive gattolibero)

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive isole maldive viste da vicino : racconti, informazioni e consigli utili e foto dei viaggi o delle crociere degli amici di www.tuttomaldive.it
www.tuttomaldive.it