Maayafushi settembre 2006  

settembre 2006 by Samantha&Omar

settembre 2006 Samantha & Omar
18 settembre 2006: finalmente si parte … 
fotografie informazioni notizie e consigli utili isole maldive maayafushi resort isola di mayafushi atollo di ari nord nel settembre 2006 by Samantha & Omar In realtà abbiamo prenotato la nostra vacanza a Maayafushi solo una settimana fa dopo mille indecisioni: Omar temeva di annoiarsi e di rimpiangere le nostre vacanze abituali in cui, oltre al mare, ci dedichiamo ad escursioni di ogni genere. 
Per fortuna l’ho convinto!
Il nostro volo Neos parte da Milano Malpensa puntuale alle ore 21.00; sono un po’ titubante perché ho letto parecchi commenti negativi su Neos, invece non abbiamo proprio niente di cui lamentarci, se non i posti che sono davvero strettini. Per fortuna i nostri sedili sono in fondo all’aereo e riusciamo ad usufruire di una fila di sedili rimasta vuota per dormire un po’.
Quando ci avviciniamo a Male cerchiamo di individuare con lo sguardo tutti quegli atolli sparsi nell’Oceano Indiano e devo dire che è davvero emozionante vedere tutte quelle chiazze azzurre nel blu.
Atterriamo puntuali all’aeroporto di Male e, dopo aver recuperato le valigie abbastanza agevolmente, raggiungiamo l’assistente Viaggidea (Katiuscia) che ci prega di pazientare un po’ perché l’aeroporto quella mattina è davvero un caos: è in partenza un pellegrinaggio per la Mecca e c’è un viavai pazzesco. Così ci cerchiamo un angolino relativamente tranquillo e aspettiamo che Katiuscia venga a recuperarci. Dopo circa 20 minuti finalmente riusciamo a salire sulla barca che ci porterà alla nostra isola: il tragitto di un’ora e mezza è piuttosto tranquillo e piacevole perché il mare è assolutamente calmo.
Finalmente arriviamo a Maayafushi: un paradiso!
fotografie informazioni notizie e consigli utili isole maldive maayafushi resort isola di mayafushi atollo di ari nord nel settembre 2006 by Samantha & Omar Dopo il briefing in cui vengono illustrate le varie attività che si svolgono nell’isola, ce ne andiamo in camera, infiliamo velocemente il costume … e via verso la scoperta di ciò che ci circonda.
L’isola è davvero piccolina, si gira in meno di 10 minuti. Il nostro beach bungalow è situato su una meravigliosa ed enorme lingua di sabbia, senza dubbio la parte più bella dell’isola. Dalla parte opposta sono situati gli over water (7/8 in tutto) che, onestamente, sono bruttini e per niente in stile maldiviano. Come se non bastasse, sono situati piuttosto vicino al generatore, fonte di rumore e puzza di cherosene.
I beach bungalow sono situati in blocchi da 4 e sono semplici ma carini e puliti; davvero suggestivo il bagno maldiviano a cielo aperto, nonostante la visita notturna di numerose formiche.
Su un lato dell’isola si estendono le parti comuni: reception, diving, bar, ristorante e coffee shop.
Al ristorante vengono serviti colazione, pranzo e cena (con alternanza tra buffet e servizio al tavolo). All’inizio del soggiorno viene assegnato un tavolo che rimarrà sempre lo stesso, così come il cameriere; noi siamo capitati in un tavolo assieme ad una coppia con cui abbiamo legato moltissimo e ad un’altra coppia un po’ più “pesante” … ma niente di così terribile. Devo ammettere che la prima impressione sul cibo non è stata entusiasmante, non tanto per la qualità di quello che ci è stato servito (tutto buono), quanto per la poca scelta. fotografie informazioni notizie e consigli utili isole maldive maayafushi resort isola di mayafushi atollo di ari nord nel settembre 2006 by Samantha & Omar Già dal secondo giorno, però, ci siamo ricreduti (anche se abbiamo capito come mai a volte ci fossero decine e decine di piatti al buffet, mentre altre volte ci fossero pochissime alternative). Comunque il nostro giudizio definitivo sul ristorante è sicuramente buono.
Un capitolo a parte è dedicato alle cene a lume di candela in riva al mare a base di aragosta che si siamo regalati (ben 3 nel corso della settimana): cibo ottimo e atmosfera da film … come unica compagnia il lieve sciabordio delle onde e la luce di milioni di stelle.
Al coffee shop vengono serviti spuntini vari durante il giorno, mentre al bar ci si ritrova dopo cena per bere qualcosa insieme, fare quattro chiacchiere e ascoltare un po’ di musica. Ogni sera, infatti, c’è qualche intrattenimento “soft” proposto dai ragazzi dell’animazione come la musica del bravissimo chitarrista Luca (che è anche fisioterapista e titolare del centro benessere), alcuni giochi, la proiezione di un filmato dedicato al mondo subacqueo. 
Ma, ovviamente, i veri protagonisti della nostra settimana sono la spiaggia e il mare.
Le nostre giornate, infatti, trascorrono alternandosi tra il relax più totale sdraiati sotto al sole ed i bagni in fotografie informazioni notizie e consigli utili isole maldive maayafushi resort isola di mayafushi atollo di ari nord nel settembre 2006 by Samantha & Omar quell’acqua da sogno, in compagnia di tantissimi pesci colorati che si possono vedere già nella laguna. 
Abbiamo partecipato ad un’uscita di snorkeling in una riserva naturale a circa 30 minuti di barca: in teoria avremmo dovuto avvistare decine di tartarughe … in pratica non ce n’era nemmeno una, anche se abbiamo visto numerosi altri pesci.
Abbiamo poi visitato l’isola dei pescatori, distante circa un’ora e un quarto di barca; si è rivelata un’escursione interessante grazie alla compagnia di Katiuscia (assistente Viaggidea) che ci ha illustrato molti aspetti della vita dei maldiviani. Peccato che abbiamo avuto poco tempo per lo shopping: la nostra ora di “libertà” è trascorsa quasi interamente nelle contrattazioni per l’acquisto di una grande specchiera di cui mi sono innamorata a prima vista, con la cornice di sabbia e conchiglie. Alla fine siamo riusciti ad acquistarla … anche se la fatica di portarla a casa sana e salva meriterebbe un capitolo a parte.
Infine il meteo: siamo stati abbastanza fortunati in quanto per 5 giorni abbiamo avuto sole abbagliante e cielo azzurro. Gli ultimi 2 giorni, invece, sono stati variabili con pioggia al mattino e nuvole al pomeriggio … trattandosi di un periodo a rischio, comunque, è andata bene così.
E purtroppo è arrivato il momento di partire … avremmo pagato oro per poter prolungare la nostra vacanza di almeno un’altra settimana (e pensare che Omar temeva di annoiarsi).
Restano le numerose foto, i ricordi, e soprattutto la voglia di tornare prima o poi in quell’angolo di paradiso!!!

settembre 2006 by Samantha&Omar


www.tuttomaldive.it