Maayafushi 2005  

febbraio 2005 by Dony&Ciosoto

Il nostro viaggio inizia da verona dove dovevamo partire ma a causa del fallimento del gruppo Volare ci hanno spostato il volo a Milano malpensa

FEBBBRAIO 2005 racconto di dony e Ciosoto 
Il nostro viaggio inizia da verona dove dovevamo partire. Ma a causa del fallimento del gruppo Volare ci hanno spostato il volo a Milano malpensa. Arrivati all aeroporto di Verona ci aspetta una assistente alpitour dove ci indica la navetta per il trasfert sino a malpensa. Con noi parte solo un'altra coppia dove si dovevano recare anche loro in viaggio di nozze alle Maldive e avevano prenotato anche loro in ottobre come noi tenendo duro dopo quello che era sucesso (tsunami).Arrivari a milano ci confermano il volo in perfetto orario 19.15 si sale a bordo dell aeromobile un boering 767 preso in affitto dalla neos da icelandair con equipaggio neos molto gentile. Facciamo scalo a roma Fiumicino dove salgono degli amici conosciuti proprio in questo forum (ayla) facciamo amicizia tutti e quattro nell aereo con altri due amici presentatici da ayla .Subito dopo il decollo da roma ci viene servita la cena dal personale neos CANELLONI RIPIENI caffè e purtroppo niente sigaretta che patimento non poter fumare . vabbè fa nulla tanto per le Maldive questo e altro dopo 9 ore di volo arriviamo alle Maldive si apre le porte dell aeromobile e…………………..un sogno………… caldo caldissimo arriviamo verso le 12.20 ora locale (quattro ore avanti rispetto all italia) sbrighiamo le solite pratiche burocratiche direi molto veloci e ad attenderci all aeroporto c è un assistente viaggidea che ci indica il posto dove dovevamo prendere la barca veloce. Doriana l assistente sale a bordo con noi nel motoscafo dotato di due motori fuoribordo nuovi da 200 CV un razzo in acqua direi mi sono divertito moltissimo nello scafo anche se era un po’ di mare ma io vivendo su un paese di mare ero abituata non tanto quelli che non avevano mai visto acqua ci guardavano io e mio marito con occhi spalancati che ci ridevam. Lo scafo a tutta velocità senza mezze misure solchiamo il mare ad un certo punto prendiamo un onda di traverso boom una botta terribile il capitano non rallenta allora mio marito chiede spiegazioni all assistente.. Chi ha dato la patente a questo qua?? E lei risponde……qui alle Maldive vanno così non hanno mezze misure se lo scafo fa gli 80 miglia loro fanno gli 80 . e vabbè ci rassegnamo e dopo 1.45 di barca vediamo la nostra isoletta e restiamo sbalorditi. Arriviamo sul posto dopo poco arriva anche ayla perché lei aveva scelto l idrovolante invece noi lo prendevamo solo el ritorno. Facciamo il pontile guardando la cristallinità dell acqua e ci diciamo ma dove siamo in un sogno? Alla hall mio marito conosce il direttore lello(anche lui lo conosceva dopo tutte le e-mail che aveva mandato per sincerarsi di non trovare cantiere)direi una persona veramente disponibile con i clienti .Ci viene assegnata la camera n°33 i facchini ci portano i bagagli e mio marito dà loro la manche e sorridono e ci dicono grazie. Apriamo la porta della camera bella carina al punto giuto e al posto giusto davanti alla lingua di sabbia un sogno veramente un sogno. Andiamo a fare il nostro primo pranzo a maayafushi verso le 14.00 ci vengono assegnati i tavoli e noi con ayla e i l altra coppia di amici veniamo messi nello stesso tavolino finito di pranzare ci mettiamo i costumi e ci tuffiamo nelle acque turchesi dell oceano indiano magnifiche. Poi facciamo il giro dell isola direi stupenda anche se avevamo paura che i muretti antierosione dessero fastidio invece sono ben inseriti nel contesto dell isola anzi direi sono pure utili nel guardare i pinna nera dall alto e i trigoni. Alla sera facciamo la nostra prima cena magnifica direi ci accorciamo che si mangia benissimo non da mensa come qualcuno aveva scritto nel forum!! Ma io e ayla ci guardiamo negli occhi e ci diciamo per fortuna che non è tutto vero quello che avevamo letto !!!!forse le cose sono cambiate perché (mangiare quasi da mensa) noi mangiavamo come uno dei migliori ristorantini d italia (ci veniva servita la pasta barilla alle Maldive) le camere erano semplicemente arredate ma pulitissime il direttore era molto socievole …gli animatori le potenzialità le avevano e le mettevano in pratica. forse per merito di questo tipo dopo le lamentele abbiamo detto: anche il reef lo hanno spostato? Era a quattro pinnate da riva. ma???? A parte ciò ci siamo informate e fatto nome di quello che si era lamentato e al maayafushi si ricordavano di lui e ci hanno guardato con due occhi stupefatti dicendoci ma se qui si divertiva un sacco ma non sarà lui……allora andiamo a mostrare cosa aveva scritto nei vari forum e lello il direttore ci dice di essere dispiaciuto che non l avrebbe mai pensato una cosa del genere che la gente è strana. Comunque io ringrazio delle sue lamentela almeno ha cambiato qualcosa perché penso che uno non si lamenti se è veramente tutto apposto. A parte la parentesi continuiamo nel racconto. Alla sera ci viene presentato il responsabile del centro diving e i rispettivi membri 5 persone Ulli la tedesca e responsabile Susy la biondina svedese Alì il maldiviano e infine Ennio e Barbara i due italiani. Ci mettiamo a chiacchierare e ci dicono che loro prima di portare la gente sotto vogliono vedere a che livello uno è!! Qualcuno si lamentava del fatto che bisognava fare il cheek invece io lo ho trovato molto professionale visto che io e mio marito era da poco che avevamo fatto il brevetto open water. Il giorno seguente nel pomeriggio facciamo la nostra prima immersione con barbara che da ora in poi la chiamerò baby una bionda snella e quasi una sirena nell acqua che quando sotto la guardavi negli occhi ti metteva tranquilita e ti sentivi sicuro. Facciamo un faru (una parete) a dire la verità non molto colorata ma per la nostra prima immersione andava piu che bene . tornati dall immersione ci corichiamo nella lingua di sabbia per vedere il tramonto una cosa meravigliosa . Dopo due giorni conosciamo i nostri vicini di camera Daniele e Claudia molto simpatici specialmente Daniele che ci raccontava della sua cavalla (tonia )del suo gommone (pistolotto) e delle sue discussioni fatte con un tipo a casa sua(savaiane) –alla sera ci mettevamo tutti nel bar e Daniele ci faceva venire mal di stomaco dalle risate. Abbiamo conosciuto nella prima settimana una coppia in viaggio di nozze Luca e Cristina che purtroppo loro hanno fatto solo una settimana e io e Daniele insistevamo sapendo che lui era un imprenditore di farne un'altra almeno stavamo insieme ancora……… ma il lavoro lo riportava a casa….sai gli operai….. e noi tutte le sere a rompergli le scatole….alla sera ci diverivamo nel bar (all incluse) a bere ridere e scherzare la prima settimana eravamo veramente un bel gruppo di italiani abbiamo conosciuto marina che era la ballerina di mio marito annalisa la amica di marina il dottore del villaggio e la ragazza del dottore anche loro molto simpatici.alla sera e durante il giorno gli animatori avevano vari compiti. Valeria la napoletana era adetta alle attività fisiche Alberto il capo animazione era al beach point dove dava ai clienti le canoe le racchette e vari giochi utilizzabili nella spiaggia Maurizio era adetto allo snorkeling e infine Gennaro era il cantante del vilaggio . le nostre gionate erano molto intense anche se volavano . tra diving spiaggia passeggiate ed escursioni. Alla fine mio marito grazie al suo amico Daniele ha avanzato di grado è diventato un adw dopo gli esami sostenuti con la sua istruttrice baby molto simpatica. Alla fine della prima settimana organizziamo per dare l addio a Luca e Cristina la cena a lume di candela mangiamo aragoste gamberoni e pesce rosto sotto le stelle Daniele ci prone uno scherzo e che……… scherzo finiamo la serata tutti e 6 bagnati dopo che Daniele ci ha fatto lo famigerato scherzo entriamo nel bar tutti fradici ma……..con il caldo che faceva andava bene. Alla mattina accompagnaiamo il gruppo di italiani verso il pontile e prendono l idrovolante e se né tornano al freddo a noi resta un'altra settimana. All arrivo degli altri italiani Daniele riconosce un'altra coppia che aveva conosciuto due anni fa al maayafushi il mitico Angelo e sua moglie e suo fratello Luca e la rispettive moglie . Passiamo con loro i rimanenti sette giorni visitiamo insieme l isola dei pescatori l isola deserta lo snorkeling e facciamo la pesca al bollentino dove luca mio marito cattura due bei pesconi e la moglie di angelo una piovra quante risate quella sera a bordo del doni. Al ritorno ci corichiamo tutti sopra la tettoia con valeria l animatrice e osserviamo le stele……… e il profumo del mare……….il plancton in amore che luccicava.Le attività del diving le facevamo quasi tutti i giorni io mio marito luca ayla e altri ayla e suo marito erano ben attrezzati di macchina fotografica professionale e fotocamera con scafandro bellissime apparecchiature . In immersione abbiamo visto delle belle mante poi squali tartarughe pesci napoleoni e molto altro. All fine del soggiorno a parer mio del sogno l ultima sera andiamo al tavolo e lo vediamo addobbato in maniera che………….. io e ayla e la sua amica scoppiamo in lacrime.Era stato preparato dal mitico zaheen il nostro cameriere. Gialad invece era il cameriere del bar sulla spiaggia poi c era ydrish cameriere del bar principale. Tutto il personale era molto educato e gentile non saprei neppure definire la loro disponibilità e la loro gentilezza dei maldiviani.l ultima sera facciamo noi insieme alla combriccola di milano luca e angelo Daniele e noi la cena a lume di candela con aragosta . QUASI FINITA! Passiamo la serata con il solito scherzo di Daniele guardiamo per l ultim a volta la partita di pallavolo tra maldiviani e cliente sempre vinta dai maldiviani. Poi andiamo verso la stanza e restiamo a guardare le stelle sino alle 2.00 della notte . La mattina seguente e giunta l ora dell addio purtroppo i ragazzi che avevamo conosciuto la settimana prima ci accompagnano facendoci uno scherzo al pontile dove prendiamo l idrovolante arrivati all aeroporto c è Doriana l assistente viaggidea una ragazza molto simpatica e disponibile dove ci aiuta a sbrigare le pratiche burocratiche per l imbarco . E si………..siamo a bordo dell aeromobile che avevamo preso all andata ma ora è il ritorno. Al ritorno troviamo un bel po’ di turbolenza ma arriviamo a destinazione si apre le porte dell aereo e……………….finisce il sogno sigh!!! Sigh!!!!! Arrivati a Milano prendiamo la navetta ma considerando che eravamo solo io e luca scambiano la navetta e ci portano a Verona con un mercedes da sogno. Prendiamo la nostra macchina e finisce il sogno Maldive!!
Ringrazio dopo questo viaggi tutto il personale del resort in particolare il mitico zaheen suruk e gialad
Il personale del diving in particolare la mitica baby molto brava e professionale
Il direttore del resort lello
La responsabile viaggidea doriana molto disponibile con la clientela italiana e brava nel suo lavoro
E tutti gli amici e amiche conosciute nel villaggio
Dony e Ciosoto

febbraio 2005 by Dony&Ciosoto


www.tuttomaldive.it