Velistipercaso alle Maldive 9/2/2004
A Male, dal ministro e a Kashidhoo
isole maldive : i velistipercaso syusy blady, patrizio roversi e zoe Oggi giornata dedicata alla cultura, alla memoria storica antica maldiviana, quindi visita allla capitale Male, al suo mercato del pesce, al  mercato della frutta, al suo museo e all'appuntamento con il ministro del turismo maldiviano Hassan Sobir. Patrizio durante l'incontro con il ministro del turismo maldiviano è stato coadiuvato da Giorgia Marazzi e da Enzo Spina. Per il pranzo ci siamo recati in un piccolo ristorante non turistico. Poi Syusy si è fatta accompagnare da Abbas ( bravissima guida maldiviana) il quale parla perfettamente l'italiano, a Khashidhoo, piccola isola a nord di Male nord, dove è stato recentemente scoperto un interessantissimo sito archeologico. Tra il 96 ed il 98 un archeologo norvegese con l'aiuto dell'Istituto Archeologico di Male ha completato gli scavi sull'isola di Khashidhoo. Da sempre questa grande isola era conosciuta dagli abitanti per la presenza di una collinetta, dalla quale venivano costantemente prelevate grandi lastre di corallo per la costruzione di abitazioni. La storia maldiviana ci ricorda che prima dell'avvento dell'Islam (intorno al XII secolo d.c.) erano presenti nelle isole più grandi, dei monasteri buddisti. Khashidhoo è una grande isola e c'era questa possibilità. Infatti, sono stati trovati resti appartenenti ad un monastero, vasellame vario, portato dalle navi di passaggio, riposto in una fossa coperta da una grande lastra di corallo. Ci sono diversi strati di costruzione nelle epoche successive, intervallati da grandi quantità di sabbia,(ciò ha fatto sì che si creasse la collinetta). Questo sito non è aperto al pubblico, unica eccezione la troupe televisiva dei "velisti per caso" che ha ottenuto un permesso speciale grazie all'interesse di Giorgia Marazzi (Agenzia Consolare Onoraria Italiana). Mentre invece Patrizio con Orso, Giorgia, Marta, Rasak (altra disponibile e preparata guida, corrispondente a Male per il villaggio di Madoogali) oltre a me, si è recato ancora a Male, ed a visitare l'isola di ThilaFushi, isola dedicata allo smaltimento dei rifiuti. Abbiamo colto degli spunti interessanti e qui in quest'isola riescono a fare in modo che i rifiuti diventino quasi una risorsa, creando proprio "l'isola che non c'era", compattando, dopo aver bruciato i rifiuti, riescono in effetti a consolidare e quindi trasformare alcune barriere coralline e creare parti di isola dove poter sviluppare aree industriali. Quindi per sera rientro come al solito in barca per la cena, con una sorpresa, questa volta a cura di Max. E' infatti venuto a trovarci al nostro ancoraggio ad Holumale, portando con sé ben due panettoni e due bottiglie di spumante. Abbiamo quindi festeggiato su Adriatica, mangiando fette di panettone sul mare con 30 gradi di temperatura esterna, penso che siate concordi con me nel pensare che la cosa risultava un po' strana, ma particolarmente originale per le Maldive. Max ha inoltre portato per Syusy un regalino fatto confezionare dai suoi amici orafi di Ribudhoo una cavigliera molto bella ed originale.
Era infatti l'ultima serata per il gruppo Patrizio, Syusy e Orso, infatti domani rientreranno in Italia. La voglia non c'è, infatti abbandonare questi posti è sempre un dispiacere. Nessuno di loro c'era ancora stato, ma ne sono stati particolarmente colpiti, per la bellezza dei luoghi, in primo luogo, poi la dolcezza e la semplicità del popolo maldiviano. Non dimentichiamo poi che qui alle Maldive non esistono malattie tipo malaria febbre gialla ecc., non esistono animali pericolosi o particolarmente velenosi per l'uomo, insomma questo è un autentico paradiso. Patrizio mi ha detto più volte "ho visto tanti luoghi, girando come turista e poi come velista per caso, ma questi posti meritano una menzione particolare, ed anche se in genere piace cambiare, qui alle Maldive ritorneremo sicuramente." E sarà sicuramente così, anche perché sia Syusy che Zoe, sono dello stesso parere. Insomma ci siamo messi d'accordo per il futuro, anche perché vogliono fare tutti il brevetto subacqueo, (e noi saremo ben felici di essere i loro istruttori) visto la facilità di condizioni (acqua chiara, calda, ecc.) qui alle Maldive. 

Dai nostri inviati speciali
Enzo Spina&Marta Giannini

home page di www.tuttomaldive.it : sito web completamente dedicato alle isole maldive  
www.tuttomaldive.it